Malattia del cuore

Un trattamento del cuore può ridurre la depressione e l'ansia?

Molte persone che hanno la fibrillazione atriale sperimentano sintomi di disturbi dell'umore, come ansia e depressione. Tratti particolari per questa condizione aiutano a risolvere questi sintomi? Un nuovo studio suggerisce che potrebbero.

La fibrillazione atriale (A-fib) è una condizione comune caratterizzata da un ritmo cardiaco irregolare.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), circa 2,7-6,1 milioni di persone negli Stati Uniti hanno A-fib.

Gli studi dimostrano che circa un terzo delle persone con questa condizione cardiaca hanno anche sintomi di depressione e ansia.

Partendo da questa evidenza, i ricercatori australiani hanno deciso di esaminare in che modo i vari trattamenti per A-fib potrebbero influenzare i livelli di sofferenza psicologica di una persona.

I risultati dello studio – il cui autore principale è Jonathan Kalman, del Royal Melbourne Hospital – sono stati pubblicati all'inizio di questa settimana sul Journal of American Heart Association.

Quale trattamento migliora la salute mentale?

I ricercatori hanno lavorato con una coorte di 78 partecipanti che avevano ricevuto qualche forma di trattamento per A-fib. Il team ha monitorato i livelli di depressione e ansia dei partecipanti e valutato e preso in considerazione i loro tratti di personalità.

Del numero totale di partecipanti, 20 hanno ricevuto ablazioni, un tipo di procedura attraverso la quale il tessuto cardiaco che produce il battito cardiaco irregolare viene rimosso o distrutto.

I rimanenti 58 partecipanti hanno scelto di assumere farmaci per regolare la frequenza cardiaca e prevenire la formazione di coaguli di sangue.

All'inizio dello studio, il 35% dei partecipanti ha affermato di vivere con sintomi di grave ansia e disagio psicologico. Un altro 20 per cento ha riferito un'idea suicida.

Dopo un anno dall'inizio dello studio, coloro che hanno optato per un'ablazione tendevano a riportare livelli più bassi di depressione e ansia rispetto a quelli che assumevano farmaci come terapia.

Inoltre, molte delle persone che avevano ricevuto ablazioni hanno riferito di non avere più pensieri suicidi. Nello specifico, il numero di individui con ideazione suicidaria è sceso da sei a uno tra quei partecipanti.

Kalman ritiene che le nuove scoperte "(dimostrano) che il trattamento efficace della fibrillazione atriale riduce notevolmente il disagio psicologico".

"Questo impatto psicologico", aggiunge, "non è molto apprezzato da molti specialisti del cuore ed è importante prendere in considerazione", in particolare quando si decide il trattamento più appropriato per A-fib.

Disagio psicologico e condizioni croniche

I tipi di personalità dei partecipanti sembravano influenzare o meno l'angoscia psicologica e l'ideazione suicidaria.

Gli individui che mostravano una personalità di tipo D erano più a rischio di ansia e depressione. Questo tipo di personalità è caratterizzato da una predisposizione allo stress, rabbia e pessimismo, che è stato anche legato a risultati peggiori quando si verifica una condizione cardiaca.

Trentacinque del numero totale di partecipanti avevano personalità di tipo D. Il dott. Dimpi Patel, ricercatore specializzato nel legame mente-cuore – che ha sede presso il New Hanover Regional Medical Center a Wilmington, Carolina del Nord – spiega che l'associazione tra condizioni cardiache e sofferenza psicologica è importante, anche se sottostimata.

"I pazienti devono essere consapevoli", osserva il Dr. Patel, "che i disturbi fisici possono avere e hanno manifestazioni psicologiche, ed entrambi devono essere riconosciuti e gestiti per garantire una buona qualità della vita e forse anche per prevenire risultati peggiori".

Mentre la nuova ricerca offre nuove prove del fatto che la salute del cuore e della mente sono strettamente interconnesse, il Dr. Patel spiega che questa associazione è probabile che si verifichi in molte più condizioni che solo A-fib.

"È importante notare che il disagio psicologico, la depressione, l'ansia e, a volte, l'ideazione suicidaria non sono esclusivi della fibrillazione atriale, ma di molte malattie croniche come il diabete, la broncopneumopatia cronica ostruttiva e l'insufficienza cardiaca congestizia".

Dr. Dimpi Patel

"I medici hanno l'obbligo," aggiunge, "di ampliare il loro approccio nella gestione di qualsiasi malattia cronica per includere l'enfasi sul benessere psicologico del loro paziente.Per me, sta semplicemente praticando una medicina buona e compassionevole".

Questo post è stato utile per te?

+0

Ti potrebbe interessare

Menu