Medicina sportiva / Fitness

Solo 10 minuti di attività luminosa possono aumentare la memoria

Secondo un recente studio, solo pochi minuti di esercizi leggeri possono dare al tuo cervello una spinta immediata nella giusta direzione, contribuendo a migliorare la memoria, tra le altre cose.

Invecchiando, la nostra memoria rischia di diventare meno affidabile.

Sebbene questa sia considerata una parte inevitabile dell'invecchiamento, gli scienziati sono desiderosi di capire come potrebbe essere ridotta.

Con l'invecchiamento della popolazione, la comprensione dei modi per ridurre il rallentamento cognitivo è più importante che mai.

L'ippocampo, che è una struttura cerebrale che si trova all'interno del lobo temporale, è di particolare interesse per i ricercatori che cercano di capire questo problema.

Vitale per l'apprendimento e la memoria, l'ippocampo è particolarmente sensibile allo stress e, invecchiando, è una delle prime regioni a soffrire. Nella malattia di Alzheimer, questo deterioramento è ancora più pronunciato.

Esercizio e ippocampo

In passato, gli studi hanno rivelato che l'esercizio fisico può migliorare alcuni aspetti delle abilità cognitive e migliorare le prestazioni della memoria. Inoltre, gli adulti che sono più attivi fisicamente tendono ad avere un aumento del volume dell'ippocampo.

Per scoprire perché l'esercizio fisico potrebbe giovare all'ippocampo e alle prestazioni della memoria, alcuni scienziati hanno chiesto se l'attività fisica stimola la crescita di nuove cellule cerebrali nell'ippocampo (nota come neurogenesi).

Questo processo richiederebbe un po 'di tempo e, quindi, qualsiasi beneficio per la salute del cervello richiederebbe un po' di tempo per diventare evidente.

Recentemente, tuttavia, un team dell'Università della California, Irvine e dell'Università di Tsukuba in Giappone ha condotto alcuni esperimenti per verificare se l'esercizio fisico può migliorare la memoria in uno spazio di tempo molto più breve: minuti anziché giorni o settimane.

Gli autori dello studio spiegano che è certamente possibile che la crescita delle cellule cerebrali possa essere stimolata dall'esercizio, ma potrebbe esserci anche un meccanismo più veloce che funziona in parallelo.

Gli autori hanno voluto tracciare qualsiasi miglioramento misurabile dell'attività cerebrale basata sulla memoria nei primi minuti dopo un leggero esercizio. Le loro scoperte sono state pubblicate di recente negli atti della rivista National Academy of Sciences.

Quindi, per indagare, 36 partecipanti sani giovani adulti hanno eseguito solo 10 minuti di esercizio leggero. Il team ha quindi utilizzato la risonanza magnetica funzionale ad alta risoluzione per misurare eventuali cambiamenti dell'attività cerebrale.

Benefici del cervello immediato

L'imaging cerebrale ha mostrato una migliore connettività tra il giro dentato, che è parte dell'ippocampo che si ritiene possa giocare un ruolo nella deposizione di nuovi ricordi episodici e aree corticali coinvolte nell'elaborazione dettagliata della memoria.

Inoltre, quando i ricercatori hanno testato i partecipanti utilizzando un test di richiamo della memoria, l'aumentata connettività correlata con prestazioni di memoria migliorate.

"Quello che abbiamo osservato è che questi periodi di esercizio di 10 minuti hanno mostrato risultati immediatamente successivi."

Co-leader del progetto Michael Yassa

Yassa crede che sia "incoraggiante vedere più persone tenere traccia delle loro abitudini di esercizio – monitorando il numero di passi che stanno prendendo, per esempio", spiega. "Anche brevi interruzioni durante la giornata possono avere effetti considerevoli sul miglioramento della memoria e della cognizione."

Studi futuri

Yassa e il suo team sono desiderosi di continuare a indagare. Successivamente, hanno in programma di eseguire studi a lungo termine negli anziani che hanno un aumentato rischio di declino cognitivo.

Vogliono capire se un esercizio regolare, breve e leggero altera la struttura e la funzione del cervello nel tempo. Lui dice:

"L'ippocampo è fondamentale per la creazione di nuovi ricordi: è una delle prime regioni del cervello a deteriorarsi man mano che si invecchia (…) Migliorare la funzione dell'ippocampo è molto promettente per migliorare la memoria nelle impostazioni quotidiane."

Trovare che un esercizio leggero possa avere un impatto misurabile sulle parti del cervello responsabili della memoria è il primo passo; ma successivamente, dobbiamo sviluppare una comprensione più chiara della quantità ideale di attività necessaria per fare una differenza reale e duratura.

Come dice Yassa, "Chiaramente, c'è un enorme valore nel comprendere la prescrizione degli esercizi che funziona meglio negli anziani, così da poter formulare raccomandazioni per evitare il declino cognitivo."

In conclusione, la prossima volta che hai perso qualcosa di importante, potrebbe valere la pena provare 10 minuti di yoga; certamente non farà male.

Questo post è stato utile per te?

+0

Ti potrebbe interessare

Menu