Alcol / Dipendenza

Sei incline a binge drinking? Questo potrebbe essere il motivo

Perché alcune persone hanno solo un drink, mentre altri hanno difficoltà a smettere? Uno studio neuroscientifico fa luce.

Secondo le stime più recenti, oltre 15 milioni di adulti negli Stati Uniti – o oltre il 6% della popolazione – hanno un disturbo da abuso di alcol.

Circa 88.000 persone muoiono ogni anno per problemi legati all'alcol, rendendo l'alcol la "terza causa di morte prevenibile" negli Stati Uniti.

Oltre all'alcolismo, l'alcol provoca una serie di altri disturbi, tra cui la cirrosi epatica e varie forme di cancro.

Tuttavia, ciò che rende alcuni di noi bramano così tanto l'alcol, anche quando è male per noi? Una risposta è la dopamina, il cosiddetto sesso, la droga e il neurotrasmettitore del rock 'n' roll.

La dopamina aiuta il cervello a imparare cose nuove, ma può anche portarci lungo la strada della dipendenza.

La dopamina ha guadagnato il suo soprannome perché è una sostanza chimica di benessere che viene rilasciata come ricompensa per il cervello quando impariamo cose nuove o durante attività piacevoli come il sesso. È anche la sostanza che "ci dice" di prolungare il piacere e continuare a "inseguire l'alto".

Nel caso della dipendenza da alcol, quando l'alcol raggiunge il cervello, provoca i neuroni in una regione chiamata area tegmentale ventrale (VTA) per rilasciare dopamina.

Fino ad ora, i precisi passaggi molecolari attraverso i quali ciò si è verificato non erano chiari. Così, i ricercatori del Center for Alcohol Research in Epigenetics dell'Università dell'Illinois a Chicago (UIC) hanno deciso di indagare e le loro scoperte gettano nuova luce sul binge drinking e sul consumo di alcol.

Mark Brodie, professore di fisiologia e biofisica presso l'UIC College of Medicine, è l'autore principale dello studio, che è stato pubblicato sulla rivista Neuropharmacology.

Gli effetti del deficit del canale KCNK13

Il professor Brodie e il suo team hanno iniziato dall'ipotesi che l'alcol possa inibire un canale di potassio chiamato KCNK13. Questo canale può essere trovato all'interno della membrana dei neuroni della dopamina nel VTA. Quindi, quando questa via è bloccata, i neuroni rilasciano più dopamina del solito.

Per verificare la loro ipotesi, i ricercatori hanno eseguito una serie di esperimenti. In uno di questi, gli scienziati hanno creato un modello murino in cui KCNK13 è stato ridotto geneticamente del 15%.

I topi privi di KCNK13 hanno bevuto il 20-30% in più di alcol rispetto alle loro controparti normali.

Il Prof. Brodie spiega i risultati, dicendo: "Crediamo che i topi con meno KCNK13 nel VTA bevessero più alcol per ottenere la stessa" ricompensa "dall'alcol come normali topi, presumibilmente perché l'alcol stava attivando il rilascio di meno dopamina nella loro cervelli ".

Un altro esperimento si è concentrato sulla risposta neuronale all'alcol nella regione VTA per topi con meno KCNK13.

Questi neuroni erano eccitati del 50% in risposta all'etanolo rispetto ai normali neuroni VTA esposti a etanolo.

Spiegare e trattare il binge drinking

L'autore principale dello studio dice che i risultati possono aiutare a spiegare perché alcune persone sono più inclini a binge drinking di altri.

"Se qualcuno ha naturalmente livelli più bassi di questo canale, quindi per produrre gli effetti piacevoli dell'alcool, quella persona dovrebbe bere molto di più e potrebbe essere a più alto rischio di disturbo da alcolismo da binge".

Prof. Mark Brodie

In futuro, il Prof. Brodie e il team hanno in programma di studiare come modificare il canale KCNK13 in altre regioni e cellule del cervello può modificare la dipendenza da alcol e il comportamento correlato all'alcol.

"Senza il canale, l'alcol non può stimolare il rilascio di dopamina, e quindi bere è probabilmente meno gratificante. Pensiamo che il canale KCNK13 presenti un nuovo bersaglio estremamente eccitante per i farmaci che potrebbero potenzialmente aiutare le persone con disturbo alcolemico a smettere di bere. "

"Questo canale", prosegue il professor Brodie, "sembra essere specifico degli effetti dell'alcol nel VTA, quindi bersagliarlo con un farmaco smorzerebbe solo gli effetti dell'alcol". In altre parole, un farmaco che bersaglia KCNK13 non smorza la risposta del cervello al piacere in generale; solo per piacere derivato dall'alcol.

"I farmaci attualmente disponibili riducono l'impatto dell'alcol sul cervello che è simile a abbassare il volume su uno stereo", dice. "Un farmaco destinato a KCNK13 sarebbe diverso in quanto sarebbe come un interruttore on / off, se è spento, l'alcol non provocherà un aumento del rilascio di dopamina".

Questo post è stato utile per te?

+0

Ti potrebbe interessare

Menu