Cancro ovarico

Rischio di cancro ovarico dopo un'isterectomia

L'isterectomia è una procedura chirurgica in cui un chirurgo rimuove l'utero di una persona. Tuttavia, il chirurgo spesso lascia intatte una parte o tutte le ovaie, il che significa che potrebbe ancora essere possibile per un individuo ottenere il cancro alle ovaie.

Il carcinoma ovarico inizia quando le cellule tumorali si sviluppano nelle ovaie o nei tessuti circostanti.

Le ovaie fanno parte del sistema riproduttivo femminile e sono responsabili della produzione di uova e del rilascio degli ormoni femminili estrogeni e progesterone.

Una persona ha due ovaie, una su ciascun lato dell'utero (utero). Le uova viaggiano dalle ovaie all'utero attraverso le tube di Falloppio.

A seconda del tipo di isterectomia, il chirurgo rimuove tutto o parte dell'utero, così come alcune altre parti del sistema riproduttivo femminile. Questo può o non può includere le ovaie.

In questo articolo, discutiamo i diversi tipi di isterectomia e come questi influenzano il rischio di una persona per il cancro ovarico. Copriamo anche i fattori di rischio, i sintomi e quando vedere un medico.

Tipi di isterectomia

L'isterectomia è un'operazione importante in cui un chirurgo rimuove l'utero di una persona.

Esistono diversi tipi di isterectomia, che differiscono a seconda di quanto dell'utero e dei tessuti circostanti il ​​chirurgo rimuove. Questi includono:

  • Isterectomia sopracervicale o parziale. Il chirurgo rimuove l'utero superiore ma lascia la cervice (la parte inferiore dell'utero) in posizione.
  • Isterectomia totale. Il chirurgo rimuove sia l'utero che la cervice.
  • Isterectomia radicale. Il chirurgo rimuove l'utero e la cervice insieme ai tessuti su entrambi i lati della cervice e nella parte superiore della vagina.
  • Isterectomia totale con salpingo-ooforectomia bilaterale (BSO). Oltre all'utero e alla cervice, il chirurgo rimuove anche le tube e le ovaie.

Isterectomia e rischio di cancro ovarico

Gli individui che hanno avuto un'isterectomia possono pensare di non poter contrarre il cancro alle ovaie. Tuttavia, pur avendo un'isterectomia può ridurre il rischio di sviluppare la malattia, è ancora possibile ottenerlo.

Secondo l'American Cancer Society (ACS), ci sono prove che l'isterectomia che lascia le ovaie in atto può ancora ridurre il rischio di cancro ovarico in alcune persone.

L'ACS afferma inoltre che l'isterectomia con BSO può ridurre il rischio di cancro ovarico dell'85-95% e il rischio di cancro al seno del 50% o più in alcune persone portatrici di una mutazione del gene BRCA. Le mutazioni nei geni BRCA1 e BRCA2 aumentano il rischio di una persona di determinati tipi di cancro.

Un ampio studio del 2015 indica anche che la rimozione di entrambe le ovaie durante un BSO diminuisce l'incidenza del cancro ovarico e peritoneale. I ricercatori hanno anche concluso che avere una sola ovaia rimossa può anche ridurre il rischio di cancro ovarico, ma sono necessarie ulteriori ricerche per confermare questo.

Tuttavia, l'ACS avverte che una persona dovrebbe avere solo un'isterectomia per una valida ragione medica e non solo per ridurre il rischio di cancro ovarico.

Un medico può raccomandare un'isterectomia per curare le persone che hanno:

  • dolore pelvico ricorrente
  • periodi pesanti
  • cancro delle ovaie, della cervice o dell'utero
  • un prolasso dell'utero
  • fibromi uterini

Fattori di rischio per il carcinoma ovarico

I fattori che possono aumentare il rischio di una persona di contrarre il cancro alle ovaie includono:

  • avere più di 40 anni
  • avere un primo figlio dopo i 35 anni
  • mai portando una gravidanza a termine
  • essere sovrappeso
  • avere trattamenti di fertilità, come la fecondazione in vitro (FIV)
  • utilizzando la terapia ormonale dopo la menopausa
  • avere una storia familiare di cancro alle ovaie, al seno o al colon-retto
  • avere mutazioni del gene BRCA1 o BRCA2
  • avendo il cancro al seno

Ridurre il rischio di cancro ovarico

Per le persone ad alto rischio di sviluppare il cancro ovarico, come quelle che portano una mutazione del gene BRCA, un medico può raccomandare una ooforectomia bilaterale profilattica.

Durante questa procedura, un chirurgo rimuove le ovaie della persona. Tuttavia, anche se una ooforectomia bilaterale profilattica riduce significativamente il rischio, c'è ancora una possibilità di sviluppare il cancro ovarico.

Altre misure che una persona può intraprendere per ridurre il rischio di cancro ovarico includono:

  • mantenere un peso salutare attraverso la dieta e l'esercizio fisico
  • avere un bambino
  • l'allattamento al seno
  • usando le pillole anticoncezionali

I sintomi del cancro ovarico

Non tutti con il carcinoma ovarico sperimentano sintomi nelle prime fasi. I primi sintomi possono essere simili ad altre condizioni meno gravi, che possono renderli difficili da riconoscere. Questi sintomi possono includere:

  • dolore pelvico o addominale
  • gonfiore
  • perdita di appetito o sensazione molto piena rapidamente
  • bisogno di urinare frequentemente

Mentre il cancro ovarico progredisce o si diffonde, possono comparire anche altri sintomi. Questi possono includere:

  • stipsi
  • fatica
  • mal di schiena
  • uno stomaco sottosopra
  • periodi irregolari
  • gonfiore addominale

Quando vedere un dottore

Una persona dovrebbe consultare un medico se manifesta uno dei sintomi sopra elencati per periodi prolungati. Questo è particolarmente importante per le persone con più di 40 anni o con una storia familiare di carcinoma ovarico o mammario.

Dopo aver subito un'isterectomia, una persona dovrebbe consultare un medico se ha esperienza:

  • sanguinamento nel sito dell'incisione
  • arrossamento o gonfiore nel sito dell'incisione
  • febbre

Sommario

Esistono diversi tipi di isterectomia, che differiscono in base alla quantità di utero e ai tessuti circostanti che il chirurgo rimuove. Alcune isterectomie lasciano intatte una parte o tutte le ovaie.

Anche quando un chirurgo rimuove entrambe le ovaie, possono rimanere piccole tracce di esse. Per questo motivo, è ancora possibile per una persona sviluppare il cancro ovarico dopo un'isterectomia.

Tuttavia, avere qualsiasi tipo di isterectomia riduce il rischio di contrarre il cancro alle ovaie.

Questo post è stato utile per te?

+0

Ti potrebbe interessare

Menu