Alcol / Dipendenza

"Il livello più sicuro di consumo di alcol è nullo", afferma lo studio sull'alcol

Uno studio completo a livello mondiale sull'uso di alcol e il suo impatto sulla salute conclude che il livello di consumo più sicuro è zero.

Lo studio Global Burden of Disease 2016 ha calcolato i livelli di consumo di alcol e i suoi effetti sulla salute durante il periodo 1990-2016 in 195 paesi.

La ricerca, che ora compare nella rivista The Lancet, rileva che nel 2016 l'uso di alcol è stato responsabile di quasi 3 milioni di morti a livello globale.

L'uso di alcol è stata la principale causa di morte per le persone di età compresa tra 15-49 anni, che rappresentano il 12 per cento dei decessi negli uomini di quell'età.

"Le nostre scoperte", afferma l'autore dello studio senior Dr. Emmanuela Gakidou, che attualmente lavora presso l'Institute for Health Metrics and Evaluation (IHME) presso l'Università di Washington a Seattle, "sono coerenti con altre ricerche recenti, che hanno trovato correlazioni chiare e convincenti tra bere e morte prematura, cancro e problemi cardiovascolari ".

Lei e i suoi colleghi concludono che il "livello più sicuro di bere non è nessuno". Spiegano che questo è "in conflitto con la maggior parte delle linee guida sulla salute, che sposano benefici per la salute associati al consumo di due bevande al giorno".

Grandi variazioni nei modelli di consumo

Più di 500 ricercatori, accademici e altri collaboratori di oltre 40 paesi hanno lavorato allo studio.

Per stimare il consumo globale di alcolici, hanno utilizzato i dati di 694 studi e poi hanno utilizzato altri 592 studi che coprono 28 milioni di persone per esaminare l'impatto sulla salute.

I risultati hanno rivelato che il 32,5% delle persone in tutto il mondo beve alcolici. Tra le donne, la percentuale di coloro che bevono è del 25%, mentre per gli uomini è del 39%.

In media, le donne bevono 0,73 bevande alcoliche al giorno, mentre gli uomini bevono 1,7. Lo studio definisce una bevanda alcolica standard come quella che contiene 10 grammi di "alcool etilico puro".

Questa misura è leggermente inferiore a quella utilizzata negli orientamenti statunitensi sul consumo di alcol. Questi affermano che una bevanda standard ha circa "14 grammi di alcool puro".

Le linee guida statunitensi tipicamente danno 14 grammi, o 0,6 once liquide, come la quantità che si trova in una lattina da 12 once del 5% di birra, o 5 once fluide del 12% di vino, o 1,5 once di 40% di whiskey, rum e altri spiriti.

Lo studio ha trovato grandi variazioni nei modelli di consumo tra diversi paesi. La Danimarca aveva la percentuale più alta di bevitori (97,1 per cento degli uomini e 95,3 per cento delle donne), mentre il Bangladesh e il Pakistan avevano il più basso (0,3 per cento e 0,8 per cento, rispettivamente).

I livelli medi di consumo di alcol sono risultati essere i più alti in Romania per gli uomini (8,2 bevande al giorno) e in Ucraina per le donne (4,2 bevande al giorno).

I livelli più bassi erano in Pakistan per gli uomini (0,0007 drink al giorno) e in Iran per le donne (0,0003 drink al giorno).

'Dobbiamo agire con urgenza'

I ricercatori hanno calcolato il rischio per la salute nelle persone di età compresa tra 15 e 95 anni di consumo di una bevanda alcolica al giorno per 1 anno rispetto all'astensione.

Hanno rivelato che questo ha aumentato il rischio di sviluppare o sperimentare uno dei 23 "problemi di salute" menzionati nello studio dello 0,5%.

A livello di popolazione, questo significa che il numero di persone che sviluppano o verificano 1 dei 23 problemi nel corso di un anno è 918 su 100.000 per coloro che bevono una bevanda alcolica al giorno, rispetto a 914 su 100.000 per quelli chi non beve

I problemi di salute trattati nello studio includono:

  • disturbi cardiovascolari come ictus e malattie cardiache
  • diversi tipi di cancro, come il seno, il fegato e parti del tubo digerente
  • diabete, pancreatite e altre malattie non infettive
  • tubercolosi, respiratoria e altre infezioni
  • ferita non intenzionale
  • violenza
  • autolesionismo
  • lesioni legate al traffico

"Studi precedenti", osserva l'autore dello studio principale, il dott. Max Griswold, che lavora anche presso l'IHME, "hanno trovato un effetto protettivo dell'alcol in alcune condizioni, ma abbiamo scoperto che i rischi associati alla salute associati all'alcool aumentano con qualsiasi quantità di alcol ".

'Cambia enfasi nelle linee guida sull'alcol'

Il dott. Gakidou insiste che i governi devono modificare le politiche in modo da enfatizzare o "abbassando i livelli di consumo di alcolici delle persone o astenendosi completamente".

In paesi come gli Stati Uniti, le informazioni sulla salute pubblica sull'alcol e sulla salute tendono a concentrarsi sui pericoli del consumo eccessivo di alcool o sul mantenere il consumo di alcol a livelli moderati.

C'è spesso poca menzione del fatto che nessun consumo è affatto il più sicuro. Ad esempio, la scheda informativa sull'alcool e sulla salute dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) inizia con "(d) fare troppa roba può nuocere alla salute".

Quindi cita le statistiche sugli effetti del bere eccessivo. Durante il periodo 2006-2010, il consumo eccessivo di alcol negli Stati Uniti ha provocato circa 88.000 morti all'anno, riducendo la durata di vita di coloro che sono morti in media per 30 anni. Tra gli adulti di età compresa tra 20 e 64 anni, ha provocato 1 decesso su 10.

Le linee guida dietetiche 2015-2020 per gli americani sul consumo di alcolici si aprono con "(i) l'alcol è consumato, dovrebbe essere moderato" e poi continua a definire il bere moderato come non più di due bicchieri al giorno per gli uomini e non più di uno per le donne.

Detto questo, c'è da dire che le linee guida "non raccomandano che le persone che non bevono alcolici inizino a bere per qualsiasi motivo".

"Ora capiamo", dice Richard C. Horton, che è caporedattore di The Lancet, "che l'alcol è una delle principali cause di morte nel mondo di oggi."

"Dobbiamo agire con urgenza per prevenire questi milioni di morti", aggiunge.

"Il mito che uno o due bicchieri al giorno fanno bene a te è solo questo: un mito: questo studio frantuma quel mito".

Dr. Emmanuela Gakidou

Questo post è stato utile per te?

+0

Ti potrebbe interessare

Menu