Nutrizione / Dieta

Questo meccanismo potrebbe essere il motivo per cui gli alimenti fermentati favoriscono la salute immunitaria

In che modo i cibi fermentati, come yogurt e crauti, beneficiano della salute e del sistema immunitario in particolare? Un nuovo studio ha scoperto un meccanismo cellulare unico per gli umani e le grandi scimmie che potrebbero offrire una spiegazione.

Il meccanismo coinvolge un recettore cellulare chiamato HCA3. Un recettore cellulare è una proteina che consente a specifici segnali di entrare nelle cellule quando una molecola corrispondente si lega ad esso.

Mentre gli scienziati conoscono HCA3 da diversi anni, non è chiaro quale ruolo abbia giocato. Solo gli umani e le grandi scimmie hanno il recettore HCA3. Altri mammiferi, come i topi, no.

Ora una squadra dell’Università di Lipsia in Germania, insieme ad altri colleghi, ha scoperto che l’HCA3 è ricettiva a un particolare metabolita, o sottoprodotto, dell’attività dei batteri dell’acido lattico.

Il metabolita ha il nome di acido D-fenilattico (D-PLA). Quando si lega a HCA3, attiva un segnale che avverte il sistema immunitario sulla presenza dei batteri.

I ricercatori descrivono le loro scoperte in un recente studio PLOS Genetics.

“Siamo convinti”, afferma l’autrice Claudia Stäubert, che lavora presso la facoltà di medicina dell’Università di Lipsia, “che questo recettore molto probabilmente media alcuni effetti benefici e anti-infiammatori dei batteri dell’acido lattico negli esseri umani.”

Batteri dell’acido lattico e alimenti fermentati

I batteri dell’acido lattico sono microbi che possono fermentare determinati alimenti. Ad esempio, possono produrre yogurt dal latte e crauti dai cavoli. Sono anche presenti nell’intestino della maggior parte dei mammiferi.

I batteri appartengono a un ampio gruppo di “microrganismi funzionali” che fermentano alimenti da fonti vegetali e animali. Questi microbi alterano il cibo in molti modi che gli esseri umani utilizzano e sono benefici per la salute.

Non solo i microbi di fermentazione possono alterare la consistenza, il sapore e l’aroma del cibo, ma estendono anche la conservazione attraverso la conservazione, aumentano l’assorbimento dei nutrienti, abbattono le tossine, stimolano l’attività probiotica e producono antiossidanti.

La ricerca ha dimostrato che il consumo di alimenti fermentati porta benefici per la salute che sono rilevanti per cancro, malattie cardiache, allergie, diabete e disturbi gastrointestinali.

Tuttavia, mentre molti studi hanno collegato i batteri dell’acido lattico a vari benefici per la salute, c’è poca comprensione della biologia di base.

Stäubert ei suoi colleghi hanno studiato questa domanda esplorando il ruolo dei recettori dell’acido idrossicarbossilico (HCA). Questi recettori, notano gli autori, “sono regolatori delle funzioni immunitarie e dell’omeostasi energetica in corso di cambiamento delle condizioni metaboliche e dietetiche”.

Storia evolutiva del recettore HCA3

La maggior parte dei mammiferi ha due recettori HCA: HCA1 e HCA2. Tuttavia, gli umani e le grandi scimmie ne hanno un terzo – HCA3.

Nel loro studio, i ricercatori spiegano come hanno “ricostruito la storia evolutiva” dei recettori HCA e hanno dimostrato che è “funzionalmente presente negli umani e in tutte le altre grandi scimmie”.

Discutono di come i batteri dell’acido lattico stessero già fermentando animali e materiali vegetali molto prima che gli umani “ne approfittassero”.

Molto tempo fa, c’è stato un cambiamento globale significativo che ha colpito “l’ultimo antenato comune dei primi ominoidi”. È probabile che questo cambiamento abbia interrotto le abitudini alimentari, così che i frutti e le foglie fermentati sono entrati nella dieta in questo periodo.

Potrebbe essere che l’HCA3 sia iniziato come un errore di copia del gene che offriva un vantaggio in termini di sopravvivenza agli antenati umani che l’hanno trasmesso?

I ricercatori suggeriscono che le loro scoperte supportano l’idea che “un maggiore apporto di (alimenti fermentati dai batteri dell’acido lattico) probabilmente ha posto una pressione selettiva positiva mantenendo la funzione HCA3 negli ominidi”.

Propongono anche che la presenza di HCA3 possa aver contribuito a favorire le interazioni tra i microbi ingeriti e quelli intestinali “assumendo funzioni nel sistema immunitario”.

Nuova luce sull’evoluzione dell’host microbo

Per riassumere, lo studio getta nuova luce su come alcuni microbi – come quelli che fermentano il cibo e vivono nell’intestino – e gli esseri umani si sono evoluti insieme.

Potrebbe stimolare ulteriori ricerche su come utilizzare i meccanismi biologici attraverso i quali gli alimenti fermentati beneficiano della salute.

Ad esempio, nel caso di HCA3, Stäubert afferma che lei ei suoi colleghi “credono che potrebbe servire come potenziale bersaglio di farmaci per il trattamento di malattie infiammatorie”.

Il team suggerisce che studi futuri dovrebbero studiare come il D-PLA influisce sul sistema immunitario. Dovrebbero anche esplorare se il metabolita influisce su altre cellule che trasportano HCA3, come le cellule di grasso.

Questo post è stato utile per te?

+0

Ti potrebbe interessare

Menu