Ansia / Stress

Quanto dura Xanax?

Alprazolam (Xanax) è un farmaco utile per alcune condizioni di salute mentale. Xanax inizia a funzionare rapidamente e rimane nel corpo per molto tempo dopo che gli effetti di una dose si sono esauriti.

I medici prescrivono spesso Xanax per disturbo d’ansia generalizzato o disturbo di panico. È uno dei farmaci più utilizzati per queste condizioni e appartiene a una classe di farmaci chiamati benzodiazepine o “benzos”.

Xanax agisce aumentando gli effetti dell’acido gamma-aminobutirrico, un neurotrasmettitore nel cervello che aumenta i sentimenti di calma.

Questo articolo esamina quanto durano gli effetti di Xanax, la sequenza temporale per il ritiro e vari fattori che influenzano questa tempistica. Descrive anche quando scade Xanax e come smaltire i vecchi farmaci.

Quando inizia a funzionare Xanax?

Il corpo assorbe rapidamente Xanax dopo che una persona lo prende.

I livelli di picco nel sangue si verificano 1–2 ore dopo l’assunzione della dose. Tuttavia, la persona avverte effetti prima del picco dei livelli.

Uno studio, che ha esaminato gli effetti di Xanax in 14 persone sane, ha scoperto che i partecipanti hanno avvertito gli effetti in meno di 1 ora, con un tempo di insorgenza medio di 49 minuti.

Quanto dura Xanax nel corpo?

Come molti farmaci, Xanax rimane nel corpo molto tempo dopo che una persona smette di sentirne gli effetti.

Gli esperti usano una misurazione chiamata emivita per determinare per quanto tempo un farmaco rimane nel corpo. L’emivita è la quantità di tempo necessaria all’organismo per eliminare metà del farmaco.

L’emivita per Xanax è di 8–16 ore in una persona sana, con un’emivita media di 11 ore. Questo è più breve di quello di molte altre benzodiazepine.

Il termine “emivita” può tuttavia essere fuorviante. Questo perché il corpo impiega dalle quattro alle cinque emivite per eliminare completamente un farmaco. Ciò significa che potrebbero essere necessarie in media 44–55 ore, o circa 2 giorni, affinché Xanax lasci il corpo.

In uno studio, i ricercatori hanno riferito che potevano rilevare Xanax nella saliva di una persona fino a 2,5 giorni dopo l’ultima dose.

Cosa influenza il funzionamento di Xanax?

L’emivita di Xanax può variare da persona a persona – diversi fattori possono influenzare la velocità con cui il corpo lo elabora.

I fattori che possono modificare l’emivita di Xanax includono:

  • essere più grandi
  • essendo di origine asiatica
  • fumo
  • avere l’obesità
  • avere un disturbo da uso di alcol
  • avere problemi ai reni
  • avere problemi al fegato

Tutti questi fattori possono aumentare il tempo necessario all’organismo per eliminare completamente Xanax.

Quali farmaci possono interferire con l’elaborazione di Xanax?

Alcuni farmaci riducono l’attività del CYP3A, un enzima epatico che aiuta a processare Xanax ed eliminarlo dal corpo. Questi farmaci sono chiamati inibitori del CYP3A.

L’assunzione di un inibitore del CY3PA con Xanax significa che il corpo impiegherà più tempo a elaborare il farmaco. Ciò può causare l’accumulo di Xanax nel sangue e aumentare il rischio di gravi effetti collaterali.

Prendi un inibitore del CYP3A con Xanax solo se un medico lo consiglia.

Di seguito sono riportati alcuni inibitori del CYP3A:

  • contraccettivi orali o pillole anticoncezionali
  • agenti antifungini azolici, tra cui ketoconazolo e itraconazolo, che possono trattare alcune infezioni fungine
  • cimetidina, che riduce l’acido gastrico e tratta ulcere allo stomaco, reflusso gastrico e altri problemi digestivi
  • antidepressivi selettivi dell’inibitore del reuptake della serotonina, tra cui fluvoxamina e fluoxetina

È possibile che Xanax possa interagire con alcuni altri farmaci e sostanze, tra cui:

  • diltiazem
  • isoniazide
  • antibiotici macrolidi, come eritromicina e claritromicina
  • succo di pompelmo

Xanax e oppioidi

Gli oppioidi sono antidolorifici da prescrizione che bloccano i segnali del dolore nel cervello. Xanax può interagire con gli oppioidi e le interazioni possono essere gravi.

Gli oppioidi includono:

  • fentanil
  • morfina
  • codeina
  • ossicodone
  • idrocodone

L’assunzione di Xanax e oppioidi può causare un sovradosaggio fatale, oltre a gravi interazioni. Questo perché sia ​​gli oppioidi che lo Xanax rallentano la respirazione di una persona e la combinazione di questi può causare l’interruzione della respirazione.

Se una persona ha assunto un antidolorifico da oppioidi, dovrebbe parlare con il proprio medico prima di prendere Xanax. Allo stesso modo, chiunque prenda Xanax dovrebbe parlare con un medico prima di assumere un oppioide.

Quanto dura il ritiro di Xanax?

Le persone possono diventare dipendenti da Xanax, anche se lo prendono come prescritto. Il rischio di dipendenza aumenta se una persona prende un dosaggio più elevato per un periodo più lungo.

Quando una persona smette di prendere Xanax dopo che il suo corpo si è abituato a ricevere il farmaco, la mancanza del farmaco può causare una serie di sintomi fisici e mentali. Questi sono chiamati sintomi di astinenza.

I sintomi da sospensione per le benzodiazepine ad azione breve, incluso Xanax, possono iniziare 1-2 giorni dopo l’ultima dose. Possono durare per almeno 2-4 settimane.

Tuttavia, nel 10-25% dei consumatori di benzodiazepine a lungo termine, i sintomi di astinenza possono durare per 12 mesi o più. Questo si chiama ritiro prolungato.

Il ritiro di Xanax può essere pericoloso. I sintomi includono:

  • mal di testa
  • sudorazione
  • sensibilità alla luce o al suono
  • contrazioni muscolari
  • crampi muscolari
  • insonnia e altri problemi di sonno
  • visione offuscata
  • diarrea
  • difficoltà a pensare o concentrarsi
  • attacchi di panico
  • ansia
  • convulsioni, compresi convulsioni di tipo grand mal

Un medico può aiutare una persona a ridurre gradualmente il dosaggio di Xanax. Questo si chiama tapering. Il tapering può ridurre al minimo il rischio di gravi sintomi di astinenza, comprese convulsioni.

Sebbene il ritiro possa essere difficile, la riduzione è spesso efficace. Due studi hanno dimostrato che il 71-93% delle persone era in grado di interrompere completamente l’assunzione di Xanax entro 8 settimane seguendo un programma di riduzione graduale diretto dal medico.

Quando scade Xanax?

Una bottiglia di Xanax deve riportare una data di scadenza e la data in cui il farmacista ha compilato la prescrizione.

Le date di scadenza indicano per quanto tempo il farmaco è sicuro ed efficace da assumere. Questa data si basa su quando il produttore ha prodotto il farmaco.

Un farmaco scaduto potrebbe non fornire più benefici completi. Inoltre, esiste un ulteriore rischio di effetti avversi.

La conservazione corretta di Xanax aiuta a garantire che il farmaco rimanga efficace fino alla data di scadenza. Conservalo in un luogo asciutto a temperatura ambiente, di 68–77 ° F.

Non conservare Xanax in un bagno perché l’umidità e l’umidità possono causare la decomposizione del farmaco prima. Inoltre, tenere la bottiglia lontano dalla luce solare diretta e fuori dalla portata di bambini e animali domestici. Assicurarsi che rimanga nel suo contenitore originale.

Smaltimento di Xanax scaduto

Se Xanax è scaduto, potrebbe non essere efficace o sicuro. Non prendere Xanax scaduto prima di consultare un medico.

Poiché Xanax comporta un alto rischio di dipendenza, è importante smaltire correttamente le pillole scadute o indesiderate.

Negli Stati Uniti, lo smaltimento corretto significa portare il farmaco in un centro autorizzato per lo smaltimento di sostanze controllate dalla Drug Enforcement Administration (DEA). Una persona può trovare una posizione locale usando il sistema online della DEA. Ci sono anche giorni per il ritiro dei farmaci in determinati periodi dell’anno.

Se una persona non può scaricare i farmaci scaduti in un luogo autorizzato, devono seguire le istruzioni per lo smaltimento sicuro nei rifiuti della Food and Drug Administration (FDA).

Porta via

Xanax può essere un trattamento efficace per ansia e disturbi di panico se una persona segue la guida del proprio medico.

Fattori come altri farmaci e condizioni di salute possono influenzare il modo in cui Xanax funziona e per quanto tempo rimane nel corpo.

Chiunque abbia un’ansia o un disturbo di panico dovrebbe lavorare con il proprio medico per sviluppare il programma di trattamento più sicuro ed efficace per loro.

Questo post è stato utile per te?

+0

Ti potrebbe interessare

Menu