Quante bevande contenenti caffeina servono per scatenare l'emicrania?

Cosa scatena l’emicrania? Gli scienziati che studiano il consumo di caffeina stimano che bere tre o più bevande contenenti caffeina aumenta le probabilità di sperimentare un mal di testa nello stesso giorno.

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), i disturbi del mal di testa sono tra i più comuni che colpiscono il sistema nervoso.

L’emicrania è una forma di disturbo primario di mal di testa.

Il termine “primario” si riferisce al fatto che le cause sottostanti non sono chiare.

Negli Stati Uniti, il 12% della popolazione (39 milioni di persone) soffre di emicrania. Questo include adulti e bambini.

La maggior parte degli emicranici afferma di essere a conoscenza di almeno un fattore scatenante che può provocare i loro sintomi. I fattori scatenanti includono modelli meteorologici, sonno, stress, ormoni, droghe, esercizio fisico e dieta.

Quando si tratta di caffeina, la quantità che una persona beve può essere il fattore centrale nel determinare se sia o meno un fattore scatenante. Secondo l’American Migraine Foundation, alcune persone trovano utile usare una piccola quantità di caffeina per fermare alcuni dei loro mal di testa. Altri possono avere emicranie più frequenti con consumo regolare di caffeina.

Sebbene vi siano prove aneddotiche della potenziale natura di Jekyll-Hyde della caffeina, i dati clinici degli emicranici sono rari.

Un nuovo documento di studio, che ora appare nell’American Journal of Medicine, fa luce su questo enigma.

Elizabeth Mostofsky, del Dipartimento di Epidemiologia di Harvard T.H. Chan School of Public Health di Boston, MA, è il primo autore dello studio.

Insieme ai suoi collaboratori, Mostofsky ha iniziato a indagare se il consumo di caffeina è legato all’insorgenza dell’emicrania lo stesso giorno nelle persone che vivono con questa condizione.

3 o più bevande contenenti caffeina possono essere un fattore scatenante

Per il suo studio, Mostofsky ha reclutato 98 volontari che soffrono di emicrania con o senza aura. I partecipanti allo studio hanno compilato diari elettronici ogni mattina e sera per 6 settimane. In questi diari, hanno registrato una varietà di fattori, tra cui esercizio fisico, consumo di caffeina e alcol, stress, qualità del sonno e mal di testa.

In particolare, il team ha chiesto ai partecipanti l’assunzione totale giornaliera di caffeina da caffè, tè, bibite o bevande energetiche.

Hanno quindi confrontato la probabilità che ciascun partecipante sperimentasse l’emicrania in un giorno in cui consumava caffeina con la probabilità in un giorno in cui non lo faceva.

Utilizzando un modello statistico, il team ha stimato che bere una o due bevande contenenti caffeina non ha modificato le probabilità di provare mal di testa nello stesso giorno. Tuttavia, quando i volontari consumavano tre o più bevande contenenti caffeina, le probabilità erano significativamente più alte.

I risultati sono stati simili quando il team ha rianalizzato i dati per prendere in considerazione l’assunzione di alcol, lo stress, la qualità del sonno, l’esercizio fisico e i cicli mestruali delle partecipanti.

Mostofsky ha anche esaminato il potenziale della causalità inversa, il che significa che i volontari potrebbero aver consumato più caffeina per far fronte all’insorgenza di un mal di testa da emicrania.

Tuttavia, i dati hanno mostrato che le persone che hanno bevuto tre o più bevande contenenti caffeina avevano maggiori probabilità di sviluppare mal di testa il giorno seguente, il che significa che questa quantità di caffeina non ha fermato l’emicrania.

“Ad oggi, ci sono stati pochi studi prospettici sul rischio immediato di emicrania con cambiamenti giornalieri nell’assunzione di bevande contenenti caffeina”, afferma il ricercatore dello studio principale Dr. Suzanne M. Bertisch, assistente professore di medicina presso la Harvard Medical School.

“In questo studio, c’era un’associazione non lineare tra l’assunzione di bevande contenenti caffeina e le probabilità di emicrania in quel giorno. Ciò suggerisce che alti livelli di assunzione di bevande contenenti caffeina possono essere un fattore scatenante dell’emicrania in quel giorno.”

Elizabeth Mostofsky

“Sono necessarie ulteriori ricerche per esaminare il potenziale effetto della caffeina sull’insorgenza dei sintomi nelle ore successive e l’interazione di sonno, caffeina, ansia, fattori ambientali ed emicrania”, concludono gli autori nel loro articolo.

Questo post è stato utile per te?