Salute delle donne / Ginecologia

Quali sono le cause del prurito vulvare che peggiora di notte?

Il prurito vulvare può essere scomodo e causare la perdita di sonno durante la notte.

Sebbene alcune delle condizioni che causano il prurito vulvare possano peggiorare di notte, è più probabile che il prurito peggiori durante questo periodo perché una persona ha meno distrazioni. Senza le deviazioni diurne, il prurito può sembrare più intenso.

Continua a leggere per conoscere alcune delle cause più comuni di prurito vulvare che peggiora durante la notte, nonché cosa fare per ottenere sollievo.

Le cause

Le possibili cause del prurito vulvare di notte includono:

Vaginosi batterica

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), la vaginosi batterica è l’infezione vaginale più comune nelle donne di età compresa tra 15 e 44 anni.

I batteri sono naturalmente presenti nella vagina, ma una crescita eccessiva può portare a vaginosi batterica. Questa infezione è più comune tra le persone sessualmente attive.

Non tutti con vaginosi batterica avranno sintomi evidenti. Tuttavia, i sintomi comuni includono:

  • dolore, prurito o bruciore
  • minzione che brucia
  • scarico vaginale bianco o grigio
  • prurito della vulva
  • un forte odore di pesce, in particolare dopo il sesso

La vaginosi batterica di solito richiede un trattamento, quindi è meglio parlare con un medico di questi sintomi.

Infezioni da lieviti

La vagina contiene naturalmente un fungo chiamato Candida, che di solito non causa alcun problema.

Tuttavia, Candida può causare un’infezione da lievito se un cambiamento nell’ambiente gli consente di crescere senza controllo.

I cambiamenti che possono facilitare l’infezione si verificano in genere nel sistema immunitario o comportano determinati farmaci o livelli ormonali.

I sintomi di un’infezione da lievito vaginale possono includere:

  • dolore durante il sesso
  • indolenzimento o prurito vaginale
  • disagio, dolore o bruciore durante la minzione
  • scarico anomalo, denso, bianco dalla vagina

Se questi sintomi si verificano per la prima volta, è meglio consultare un medico per confermare un’infezione del lievito come causa.

Sono disponibili sia trattamenti da banco (OTC) sia trattamenti di prescrizione per le infezioni da lieviti.

Allergeni e irritanti

Molti allergeni e irritanti possono potenzialmente causare prurito vulvare. Gli irritanti in genere causano sintomi rapidamente, mentre gli allergeni possono richiedere alcuni giorni per produrre sintomi.

Alcuni allergeni e irritanti comuni che possono causare prurito vulvare includono:

  • abbigliamento attillato
  • sapone
  • spermicidi
  • biancheria intima di nylon
  • profumi
  • preservativi in ​​lattice
  • bagno con schiuma
  • lubrificanti
  • detersivo per il bucato
  • irrigazioni
  • talco
  • salviette per neonati
  • alcuni farmaci
  • salvaslip

Infezioni trasmesse sessualmente

Alcune infezioni a trasmissione sessuale (IST), inclusi pidocchi e tricomoniasi, possono causare prurito vaginale.

I pidocchi pubici, che le persone spesso chiamano granchi, spesso causano prurito vulvare che può peggiorare di notte. È spesso possibile vedere i pidocchi pubici durante un autoesame, ma è meglio visitare un medico per una diagnosi corretta.

La tricomoniasi è un’altra STI che può causare prurito vulvare. Come con alcune altre IST, non causa sempre sintomi.

Quando si manifestano i sintomi, possono includere:

  • una sensazione di bruciore sui genitali
  • sgradevole odore vaginale
  • prurito vaginale o vulvare
  • spotting anormale

Un medico può di solito prescrivere antibiotici per trattare la tricomoniasi.

Lichen sclerosus

Il lichen sclerosus è una condizione cronica della pelle. Può verificarsi quasi ovunque sul corpo, ma è più comune sui genitali e sull’ano.

Il lichen sclerosus fa assottigliare la pelle, causando irritazione, prurito e vesciche. Inizialmente, il lichen sclerosus potrebbe non produrre alcun sintomo.

Tuttavia, man mano che avanza, alcuni dei seguenti sintomi potrebbero iniziare a comparire:

  • prurito vulvare
  • dolore con la minzione
  • macchie bianche pruriginose vulvari che crescono nel tempo
  • dolore durante il rapporto
  • prurito o sanguinamento anale
  • vesciche

La causa esatta del lichen sclerosus rimane sconosciuta. Tuttavia, la condizione può insorgere nelle famiglie, derivare da squilibri ormonali o derivare da un disturbo immunitario.

Lichen planus

Il lichen planus è una risposta immunitaria anormale che si verifica quando il sistema immunitario inizia ad attaccare le mucose e la pelle.

Può interessare molte diverse parti del corpo, compresa la vulva.

Quando il lichen planus appare all’interno della vagina, si presenta in genere come macchie bianche o piaghe dolorose.

Se appare sulla parte esterna della vagina sulla vulva, può assumere la forma di protuberanze pruriginose, piatte, rosse o viola.

Eczema o dermatite

La dermatite vulvare si verifica quando la vulva diventa pruriginosa e infiammata. L’area potrebbe apparire rossa o scolorita.

Calore, umidità o sostanze irritanti possono causare dermatiti, ma anche eczema. L’eczema è una condizione della pelle a lungo termine che provoca pelle secca, screpolata, squamosa e pruriginosa. Può colpire qualsiasi parte del corpo, compresi i genitali.

Se il prurito dovuto a eczema o dermatite peggiora durante la notte, ciò può essere dovuto al fatto che la pelle è troppo secca o perché il sudore intrappolato la irrita. Una persona può spesso alleviare questo sintomo usando acqua e sapone neutro prima di idratare l’area interessata.

Psoriasi

La psoriasi è una condizione autoimmune che può causare chiazze secche, dolorose e pruriginose sulla vulva e sull’area circostante. In rari casi, può anche svilupparsi all’interno della vagina.

Un tipo di psoriasi chiamata psoriasi inversa è più comune sulla vulva, ma la secchezza può aumentare il rischio di formazione di placche. Graffiare può anche causare sintomi più gravi.

Il prurito della psoriasi può peggiorare di notte se una persona non ha più distrazioni diurne e si concentra sui sintomi.

Cancro vulvare

In casi molto rari, il prurito vulvare può essere un segno di cancro vulvare. I tipi di cancro e le condizioni precancerose che possono causare prurito intorno alla vulva includono:

  • neoplasia vulcanica intraepiteliale (VIN)
  • carcinoma a cellule squamose invasive della vulva
  • melanoma vulvare
  • La malattia di Paget, che può verificarsi anche sul seno

Il carcinoma a cellule squamose invasive e il melanoma vulvare causano anche sintomi come un nodulo, dolore o sanguinamento al di fuori del normale ciclo mestruale.

Molte persone con VIN non presentano alcun sintomo iniziale. Se lo fanno, l’unico sintomo è di solito prurito persistente. Il VIN non è un cancro, ma può portare al cancro nel tempo.

La malattia di Paget della vulva provoca indolenzimento e chiazze rosse e squamose.

Rimedi casalinghi

Le persone possono provare diversi trattamenti a casa per alleviare una vulva pruriginosa. Tuttavia, a meno che il prurito sia chiaramente dovuto a un allergene o irritante, è meglio consultare un medico per una diagnosi e un trattamento medico.

Alcuni rimedi casalinghi che possono aiutare ad alleviare il prurito durante la notte includono:

  • fare un bagno di farina d’avena prima di dormire
  • usando creme anti-prurito topiche sulla vulva
  • posizionando impacchi di ghiaccio avvolti in un asciugamano sulla vulva
  • usando un antistaminico topico
  • provare trattamenti antifungini OTC per le infezioni da lieviti

Trattamenti medici

La causa del prurito vulvare che peggiora durante la notte determinerà il trattamento.

In caso di vaginosi batterica e tricomoniasi, è probabile che un medico prescriva antibiotici per curare l’infezione.

Se il prurito è dovuto a un’infezione da lievito, un medico può raccomandare un’opzione di trattamento OTC o prescrivere un farmaco più forte.

Se la causa del prurito è una reazione allergica, il medico può prescrivere un antistaminico per alleviare i sintomi.

I corticosteroidi o i farmaci per via orale possono aiutare a fermare la risposta del sistema immunitario che causa il lichen planus. Un medico può anche prescrivere antistaminici.

Se il prurito si verifica a causa dei pidocchi, una persona dovrà distruggere gli insetti e le loro uova e quindi lavare accuratamente tutti gli indumenti e le lenzuola in casa.

In caso di lichen sclerosus, un medico può prescrivere o raccomandare steroidi topici, iniezioni di steroidi o antidepressivi triciclici per aiutare con il dolore.

Il trattamento di condizioni sottostanti come la psoriasi o l’eczema con creme emollienti e farmaci topici può aiutare ad alleviare i sintomi. Esistono molte altre opzioni di trattamento per queste condizioni, tra cui fototerapia, corticosteroidi e integratori di vitamina D.

I medici cureranno il cancro caso per caso. Il piano di trattamento può includere:

  • chirurgia
  • farmaci topici
  • chemioterapia
  • radiazione

Sommario

Il prurito vulvare, incluso il prurito che peggiora durante la notte, è spesso il risultato di una reazione allergica o di una condizione medica che richiederà un trattamento.

Le persone dovrebbero consultare un medico per il prurito che non scompare dopo qualche tempo o che si verifica con altri sintomi.

Nella maggior parte dei casi, il trattamento può efficacemente eliminare l’infezione o la condizione e alleviare il prurito.

Questo post è stato utile per te?

+0

Ti potrebbe interessare

Menu