Medicina complementare / Medicina alternativa

Quali sono i benefici per la salute di triphala?

Se acquisti qualcosa tramite un link in questa pagina, potremmo guadagnare una piccola commissione. Come funziona

Triphala è un antico rimedio a base di erbe con effetti antiossidanti, antinfiammatori e antibatterici. Triphala può avere vari benefici per la salute, come migliorare la salute orale e digestiva e sostenere la guarigione della pelle.

Triphala è una preparazione a base di erbe utilizzata nella medicina ayurvedica. È una combinazione di tre piante originarie dell’India:

  • Uva spina indiana (Emblica officinalis)
  • mirabolano nero (Terminalia chebula)
  • Belleric Myrobalan (Terminalia bellirica)

Nella medicina ayurvedica, il corpo ha tre tipi di energia, o dosha. I professionisti credono che la guarigione e l’equilibrio dei tre dosha possano aiutare una persona a raggiungere una salute ottimale. Alcuni credono che gli ingredienti in triphala supportino tutti e tre i dosha.

I risultati di molte ricerche scientifiche suggeriscono che i benefici terapeutici del preparato derivano dalle sue proprietà antiossidanti e dalla capacità di combattere alcuni batteri resistenti ai farmaci.

Gran parte della ricerca è su piccola scala e utilizza modelli animali, non umani. Prima che gli scienziati possano formalmente stabilire benefici per la salute di triphala, dovranno condurre ricerche di qualità superiore.

In questo articolo, esploriamo la ricerca esistente dietro questi potenziali benefici per la salute.

Promuovere la salute orale

Alcune ricerche indicano che il risciacquo della bocca con triphala può aiutare con problemi di salute orale, come:

  • gengivite
  • placca
  • piaghe
  • infezioni fungine

Uno studio clinico ha scoperto che il collutorio triphala era efficace quanto un collutorio alla clorexidina nel prevenire la placca e la gengivite. I dentisti prescrivono il collutorio alla clorexidina per uccidere i germi orali.

I ricercatori dietro un altro studio sono giunti a conclusioni simili, affermando che il collutorio triphala può essere considerato un potenziale trattamento per la gengivite.

Anche una revisione degli studi riporta che il triphala è “significativamente efficace” nella gestione delle complicanze legate alla gengivite.

Triphala può anche ridurre la crescita di funghi nella bocca. Uno studio ha scoperto che il triphala aiuta a fermare la crescita di alcune specie fungine di Candida in bocca.

Gli autori riportano che i tannini e i composti vegetali in triphala hanno proprietà antiossidanti che possono curare le piaghe della bocca.

Diabete di tipo 2

Il diabete di tipo 2 è una condizione cronica comune che provoca l’innalzamento e il mantenimento dei livelli di zucchero nel sangue di una persona. Quando i livelli di zucchero nel sangue sono persistentemente elevati, ciò impedisce alle cellule di assorbire efficacemente e utilizzare lo zucchero per produrre energia.

Alcune ricerche suggeriscono che il triphala aiuta a ridurre i livelli di zucchero nel sangue e colesterolo nelle persone con diabete di tipo 2.

L’uva spina indiana, un ingrediente del triphala, ha anche un potenziale antidiabetico. Gli studi dimostrano che la sua attività antiossidante può avere un ruolo nel ridurre la glicemia e nell’affrontare il danno ai nervi che risulta dal diabete. Tuttavia, l’evidenza clinica nell’uomo è preliminare e limitata.

Anche la terminalia bellirica, un ingrediente del triphala, può avere un potenziale antidiabetico. Questa pianta è ricca di acido gallico, un fitochimico che la ricerca indica che può migliorare la resistenza all’insulina, aiutando le cellule ad assorbire lo zucchero nel sangue.

Una persona con diabete dovrebbe chiedere al proprio medico prima di usare triphala. Inoltre, non dovrebbero interrompere alcun trattamento senza l’approvazione di un medico.

Guarigione della pelle

Alcune persone usano il triphala per via topica: sulla pelle. Le sue proprietà anti-infiammatorie e antiossidanti possono aiutare a guarire alcuni problemi della pelle.

Uno studio ha scoperto che il triphala aiuta a proteggere le cellule della pelle. I risultati suggeriscono che può aiutare a ricostruire le proteine ​​della pelle e trattenere l’umidità nella pelle, oltre a combattere l’infiammazione e le lesioni ossidative.

I ricercatori dietro una recensione concludono che il triphala può aiutare ad aumentare la formazione di collagene e ridurre i batteri sulla pelle, il che significa che può aiutare a guarire le ferite.

Ulcera allo stomaco

Alcune ricerche limitate suggeriscono che il triphala può aiutare a curare le ulcere allo stomaco.

Uno studio sugli animali ha scoperto che il triphala ha ridotto la gravità di queste ulcere e ha contribuito a ripristinare gli enzimi sani nello stomaco.

Salute digestiva

Alcune prove indicano che il triphala aiuta a migliorare la peristalsi o il movimento dell’intestino per rimuovere i rifiuti. Come tale, può aiutare a trattare la costipazione. I ricercatori dietro uno studio sui topi concludono che il triphala ha un “significativo effetto positivo” sulla costipazione.

Triphala può aiutare a inibire la crescita di batteri nocivi nell’intestino, secondo alcune ricerche. Può anche supportare la crescita di batteri benefici. Un equilibrio di batteri può aiutare a migliorare la salute generale dell’intestino.

Un’altra recensione suggerisce che il triphala potrebbe aiutare a trattare la sindrome dell’intestino irritabile (IBS). Gli autori affermano che l’assunzione di triphala con o senza probiotici potrebbe essere un’aggiunta benefica al trattamento IBS.

Artrite e gotta

La capacità antinfiammatoria del triphala può aiutare a trattare i sintomi dell’artrite. Uno studio sui ratti ha scoperto che il triphala ha contribuito a ridurre l’infiammazione causata dall’artrite.

Gli autori di una recensione riportano che il triphala può combattere la rottura dell’osso e della cartilagine nei ratti con artrite, oltre a ridurre l’infiammazione.

Triphala può anche aiutare con i sintomi della gotta. Un’altra recensione ha scoperto che ha mostrato un “forte effetto antinfiammatorio” contro la gotta negli animali.

Gli autori di uno studio sui topi riferiscono che il triphala potrebbe abbassare i livelli di acido urico e l’infiammazione, il che potrebbe spiegare eventuali effetti sulla gotta.

Stress e ansia

Alcune prove suggeriscono che il triphala potrebbe aiutare a proteggere dallo stress. Studi sugli animali hanno scoperto che aiuta a invertire alcuni comportamenti causati dallo stress, secondo una recensione.

Un altro studio ha scoperto che il triphala ha “attività adattogena” nei ratti esposti allo stress. Un adattogeno è qualcosa che può aiutare il corpo a far fronte a una risposta allo stress.

Tipi di triphala e utilizzo

Triphala è disponibile in capsule, compresse e polveri. La forma utilizzata da una persona può dipendere da ciò che sta trattando.

Ad esempio, una persona può mescolare una forma in polvere di triphala con acqua per fare un collutorio. Per usarlo sulla pelle, possono mescolare una piccola quantità di polvere con una lozione o una crema.

Le capsule e le compresse possono essere utili se una persona usa internamente la triphala, ad esempio per curare ulcere, artrite o costipazione.

Non esiste un dosaggio stabilito di triphala per uso interno, ma molti integratori includono circa 300 milligrammi (mg) di ciascun ingrediente per dose. Una dose può essere di 900-1000 mg di triphala.

Parla sempre con un medico prima di prendere qualsiasi nuovo rimedio, in quanto possono interagire con i farmaci esistenti o causare complicazioni.

Effetti collaterali e rischi

Triphala può avere effetti lassativi, causando diarrea o disturbi di stomaco, specialmente in dosi più elevate.

Una persona non dovrebbe assumere un dosaggio superiore a quello raccomandato dall’etichetta e dovrebbe smettere di usare il triphala se provoca diarrea o altri effetti collaterali.

Triphala è un integratore alimentare e la Food and Drug Administration (FDA) non lo regola come un farmaco. Ciò significa che, come tutti gli integratori alimentari, potrebbero contenere ingredienti non presenti sull’etichetta, inclusi i contaminanti.

Il Centro nazionale per la salute complementare e integrativa riferisce che alcuni integratori ayurvedici contengono piombo, mercurio o arsenico in quantità pericolose.

Chiunque compri integratori dovrebbe acquistare prodotti sottoposti a test da una terza parte indipendente. Alcune etichette riportano sigilli di approvazione da parte di NSF International, la Farmacopea degli Stati Uniti, abbreviata in USP o organizzazioni simili.

Test di terze parti possono verificare che i prodotti contengano ciò che pubblicizzano le loro etichette. A volte queste organizzazioni testano anche la contaminazione da metalli pesanti o altri ingredienti pericolosi.

Sommario

Sebbene numerosi piccoli studi dimostrino che il triphala potrebbe avere benefici per la salute, la conferma di questi risultati richiederà studi ampi e controllati sull’uomo.

Le piante in triphala contengono antiossidanti e polifenoli, che sono composti che possono giovare alla salute. Tuttavia, una persona dovrebbe chiedere a un professionista della salute prima di assumere questa preparazione a base di erbe, soprattutto se assumono farmaci o hanno problemi di salute in corso.

Questo post è stato utile per te?

+0

Ti potrebbe interessare

Menu