Bipolare

Qual è la differenza tra bipolare I e bipolare II?

Il disturbo bipolare è una condizione di salute mentale che provoca anomalie elevate e, in alcuni casi, bassi stati d'animo. Colpisce i livelli di energia di una persona e la sua capacità di funzionare nella vita di tutti i giorni.

Esistono diversi tipi di disturbo bipolare, il più diffuso è il bipolare I e il bipolare II.

In questo articolo, scopri le somiglianze e le differenze tra bipolare I e bipolare II. Consideriamo anche le loro cause, i sintomi e le opzioni di trattamento disponibili.

Tipi di disturbo bipolare

Le persone con disturbo bipolare sperimentano alti anormali o bassi di umore. Durante un "alto", noto anche come episodio maniacale, le persone sentono intensa energia o eccitazione.

Durante un episodio "basso" o depressivo, avvertono sintomi di depressione, come tristezza e disperazione.

Esistono quattro tipi distinti di disturbo bipolare:

  • disturbo bipolare
  • disturbo bipolare II
  • disturbo ciclotimico o ciclotimia
  • altro disturbo bipolare specificato e non specificato

Un medico può diagnosticare una persona con uno dei suddetti tipi in base alla durata e all'intensità dei sintomi.

Bipolar I e bipolar II sono le forme più diffuse di disturbo bipolare. Sono anche i più gravi dei disturbi bipolari.

Bipolare I vs. bipolare II

Bipolare I e II hanno sintomi e modelli simili in cui si manifestano i sintomi. Tuttavia, le persone che hanno Bipolar II sperimenteranno episodi maniacali meno gravi rispetto alle persone con bipolare I. Questo tipo di mania è noto come ipomania.

Per ricevere una diagnosi di Bipolar II, una persona deve anche sperimentare un episodio depressivo maggiore, che non si applica in una diagnosi di bipolare I.

Un medico può diagnosticare il disturbo bipolare in base alla presenza di un episodio maniacale. Le persone con disturbo bipolare di tipo I hanno almeno un episodio maniacale che persiste per una settimana o più o una mania severa che richiede il ricovero in ospedale.

Quelli con disturbo bipolare II in genere non richiedono il ricovero in ospedale durante periodi ipomaniacali. I medici a volte diagnosticano erroneamente il disturbo bipolare II come depressione perché i sintomi ipomaniacali possono essere molto sottili.

Tra questi episodi di mania e depressione, le persone che hanno uno di questi tipi di bipolare possono sperimentare periodi di umore stabile. È anche possibile avere sintomi di depressione e mania allo stesso tempo. Questo è noto come bipolare con "caratteristiche miste".

Sintomi

I sintomi principali di I bipolare e bipolare II sono mania, ipomania e depressione.

Mania

Durante un episodio maniacale, le persone possono sperimentare:

  • intenso entusiasmo, felicità o eccitazione
  • rabbia, irrequietezza o irritabilità
  • aumento di energia, caratterizzato dall'essere troppo chiacchierone o iperattivo
  • meno bisogno di dormire e difficoltà a dormire
  • pensieri da corsa
  • difficoltà a concentrarsi e prendere decisioni
  • comportamento spericolato
  • comportamenti di piacere, come un maggiore interesse per sesso, alcol e droghe
  • alta autostima

Periodi di mania possono interferire con le attività quotidiane di una persona e le loro relazioni con gli altri.

Alcune persone potrebbero non essere in grado di raggiungere uno stato calmo o di avere pensieri razionali durante un episodio maniacale.

ipomania

In uno stato di ipomania, le persone sperimentano sintomi simili a quelli della mania, tranne che sono meno gravi.

L'ipomania può ancora interferire con la qualità della vita di una persona, e la famiglia e gli amici possono notare che la persona sta vivendo cambiamenti di umore.

Depressione

Le persone con disturbo bipolare possono manifestare sintomi depressivi uguali a quelli sperimentati nei casi di depressione clinica. Questi includono:

  • tristezza
  • senza speranza
  • bassa energia e fatica
  • cambiamenti nei modelli di sonno
  • cambiamenti di appetito
  • poca concentrazione
  • perdita di interesse in attività precedentemente piacevoli
  • bassa autostima
  • dolori e dolori che non hanno apparente causa fisica
  • pensieri di suicidio o morte
  • comportamento suicidario

I medici considerano questi sintomi come un episodio depressivo se persistono per 2 settimane o più.

Prevalenza

Secondo il National Institute of Mental Health (NIMH), circa il 2,8% degli adulti negli Stati Uniti presenta un disturbo bipolare in un dato anno. Si stima che il 4,4% delle persone abbia esperienza bipolare ad un certo punto della propria vita.

La condizione colpisce uomini e donne quasi allo stesso modo. L'esordio si verifica a un'età media di 25 anni, ma può capitare a persone di qualsiasi età.

Diagnosi

Per ricevere una diagnosi di disturbo bipolare, gli individui dovranno vedere uno psichiatra o uno psicologo. Esamineranno la storia clinica e i sintomi della persona.

Questa valutazione psichiatrica si concentrerà sui pensieri, sentimenti e comportamenti di una persona.

Alcune persone potrebbero trovare utile avere una persona amata presente per fornire al medico informazioni su altri sintomi, specialmente durante i periodi maniacali.

Lo psichiatra o lo psicologo può anche chiedere a una persona di tenere un diario dell'umore per monitorare i loro stati d'animo, i modelli di sonno e altri sintomi. Questo diario può aiutare con una diagnosi.

Lo psichiatra o lo psicologo confronteranno i sintomi della persona con i criteri per i disturbi bipolari delineati nel Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-5).

Lo psichiatra o lo psicologo può eseguire esami del sangue, un esame fisico o test di imaging cerebrale per escludere altre cause dei sintomi.

Trattamento

Il trattamento per il disturbo bipolare di tipo I e il disturbo bipolare II di solito consiste in farmaci, psicoterapia e cambiamenti nello stile di vita.

Poiché il disturbo bipolare è una condizione a lungo termine, il trattamento durerà a lungo. Alcune persone possono avere un gruppo di trattamento che include uno psicologo, terapeuta e infermiere psichiatrico.

farmaci

I medici di solito prescrivono stabilizzatori dell'umore, come il litio, per il disturbo bipolare. Possono anche prescrivere farmaci antipsicotici per episodi maniacali e antidepressivi per la depressione.

Poiché alcuni farmaci antidepressivi possono "scatenare" episodi maniacali in alcune persone, i medici potrebbero raccomandare una combinazione di antidepressivi e antipsicotici per ridurre la depressione e stabilizzare l'umore.

Per le persone che hanno problemi di ansia o di sonno, i farmaci anti-ansia, come le benzodiazepine, possono aiutare. Tuttavia, questa strategia può comportare un rischio di dipendenza dalle benzodiazepine.

Le persone possono iniziare a prendere i farmaci subito, anche se attualmente non stanno vivendo un episodio maniacale o depressivo.

È vitale continuare a prendere i farmaci anche durante periodi di umore stabile per evitare le ricadute.

Psicoterapia

La psicoterapia è una parte essenziale del trattamento per i disturbi bipolari di I e II. La terapia può avvenire su base individuale, come parte di un gruppo o in un ambiente familiare.

Diversi tipi di terapia possono aiutare, tra cui:

  • Terapia interpersonale e sociale del ritmo (IPSRT), che si concentra sulla creazione di una routine strutturata per aiutare le persone a far fronte ai sintomi.
  • La terapia cognitivo comportamentale (CBT), per sfidare i pensieri negativi e sostituirli con quelli positivi.
  • Terapia focalizzata sulla famiglia, per migliorare la comunicazione con i familiari e favorire il sostegno familiare.

Cambiamenti nello stile di vita

Molte persone possono apportare cambiamenti nello stile di vita per gestire i loro sintomi e aiutare a stabilizzare i loro stati d'animo. Esempi di modifiche utili includono:

  • evitando alcol e droghe
  • esercitarsi regolarmente
  • mangiare una dieta equilibrata
  • stabilendo una routine del sonno
  • frequentare un gruppo di supporto per persone con disturbi legati all'umore
  • praticare la consapevolezza e la meditazione
  • riducendo lo stress ove possibile
  • imparare di più sulla loro condizione

Alcune persone trovano utile tenere un diario dell'umore quotidiano. Tenere un diario può consentire alle persone di vedere i modelli nei loro pensieri, stati d'animo e comportamenti.

Un diario dell'umore aiuta anche a identificare i trigger per episodi maniacali o depressivi. Questo può aiutare una persona ad agire in modo appropriato prima che un lieve cambiamento dell'umore peggiori.

prospettiva

Sebbene i bipolari I e II siano condizioni a lungo termine, la maggior parte delle persone può gestire i propri sintomi con farmaci, terapia e cambiamenti nello stile di vita.

Mantenere contatti regolari con professionisti della salute mentale e cercare supporto da amici e parenti può rendere più facile affrontare i sintomi difficili.

Chiunque ritenga di avere sintomi di I o II bipolari dovrebbe parlare con un medico per una corretta diagnosi.

Questo post è stato utile per te?

+0

Ti potrebbe interessare

Menu