La ricerca rivela quattro distinti gruppi di personalità

Hai fatto un test della personalità online o sul posto di lavoro? Sfortunatamente, i ricercatori spesso mettono in dubbio la loro accuratezza; ma un nuovo studio potrebbe aver aperto la strada a valutazioni scientifiche e solide della personalità.

I test di personalità sono apprezzati da persone e aziende.

Questo perché ognuno di noi è interessato a "scannare il codice" di chi siamo veramente e come ci adattiamo al mondo.

Tuttavia, gli esperti mettono in discussione e criticano anche i test di personalità più ampiamente citati – come la valutazione di Myers-Briggs – affermando che sono imprecisi.

In breve, gli specialisti spiegano che è difficile trovare tipi di personalità inflessibili, poiché cadiamo tutti da qualche parte lungo uno spettro e spuntano più di un riquadro.

Ora, però, armati di grandi dati e di una nuova prospettiva, i ricercatori della Northwestern University – che è un istituto di ricerca con campus e strutture dislocati negli Stati Uniti – potrebbero finalmente aver identificato quattro accurati cluster di personalità.

La ricerca, pubblicata ieri sulla rivista Nature Human Behaviour, ha analizzato i dati di oltre 1,5 milioni di persone che hanno compilato questionari valutando i loro tratti di personalità.

"Le persone hanno cercato di classificare i tipi di personalità fin dal tempo di Ippocrate, ma la letteratura scientifica precedente ha scoperto che non ha senso", spiega il coautore dello studio, Prof. William Revelle.

"Ora, questi dati mostrano che ci sono densità più elevate di alcuni tipi di personalità."

Prof. William Revelle

L'emergere di una nuova "mappa" della personalità

I ricercatori hanno analizzato i dati raccolti attraverso grandi sforzi di coorte che hanno valutato i tratti della personalità. Tra questi, l'IPIP-NEO di John Johnson, il progetto myPersonality e il Big Personality Test della BBC.

Per valutare accuratamente questi dati, il team ha anche sviluppato un nuovo algoritmo che gli ha permesso di "tracciare" una mappa dei tratti della personalità. I cinque tratti più accettati sono:

  • nevroticismo, che si riferisce a quanto è probabile che una persona si senta lunatica, ansiosa, sola, depressa o arrabbiata
  • estroversione, che si riferisce a quanto è socievole e assertiva una persona
  • apertura, che parla della curiosità di una persona e della sua disponibilità ad avere nuove esperienze
  • gradevolezza, in riferimento al fatto che una persona sia percepita come simpatica, premurosa e amichevole
  • coscienziosità o probabilità della persona di essere organizzata e affidabile

Alla fine, quattro nuovi cluster di personalità sono emersi sulla nuova mappa dei ricercatori. Erano: medi, riservati, egocentrici e modello di ruolo.

"I dati sono tornati, e hanno continuato a produrre gli stessi quattro cluster di densità più elevata e densità più elevate di quanto ci si aspetterebbe per caso, e si può dimostrare per replica che ciò è statisticamente improbabile", spiega il prof. Revelle.

"I tipi di personalità esistevano solo nella letteratura di auto-aiuto e non avevano un posto nelle riviste scientifiche", dice il Prof. Luís Amaral, autore dello studio principale, aggiungendo: "Ora, pensiamo che questo cambierà a causa di questo studio".

I quattro gruppi di personalità

Gli autori dello studio sottolineano che i quattro cluster di personalità che hanno identificato presentano diverse combinazioni di tratti distintivi della personalità.

Le personalità "medie" hanno un'elevata estroversione e un alto nevroticismo ma sono poco aperte. "Mi aspetterei che la persona tipica sarebbe in questo cluster", osserva il coautore dello studio Martin Gerlach.

Le personalità "riservate" non sono particolarmente aperte, o estroverse, né sono nevrotiche. Tuttavia, ottengono punteggi più alti in termini di coscienziosità e gradevolezza.

Il cluster del "modello di ruolo", dicono gli autori, aveva un basso nevroticismo, ma tutti gli altri tratti della personalità – estroversione, apertura, gradevolezza e coscienziosità – sono alti. Gli scienziati hanno anche aggiunto che è probabile che più donne che uomini rientrino in questa categoria.

"Queste sono persone che sono affidabili e aperte a nuove idee, sono brave persone ad essere responsabili delle cose, infatti la vita è più facile se si hanno più rapporti con i modelli di comportamento", osserva il Prof. Amaral.

Infine, le persone nel gruppo "egocentrico" hanno un'eccellente estroversione, ma scendono al di sotto della media nell'apertura, nella gradevolezza e nella coscienziosità.

La prof.ssa Revelle dice che, molto probabilmente, "queste sono persone con le quali non vuoi uscire". Tuttavia, assicura anche che con l'età, sia le donne che gli uomini tendono a "laurearsi" dall'egocentrismo verso altri gruppi di personalità.

Crescere dal nevroticismo

Man mano che cresciamo e diventiamo più maturi, anche le nostre personalità si sviluppano in modi diversi. Sebbene gli adolescenti – in particolare i ragazzi – tendano a cadere nella categoria "egocentrica" ​​durante la loro adolescenza, probabilmente evolveranno in modo diverso nell'età adulta.

Gli autori dello studio affermano che le persone anziane, in generale, tendono a segnare punteggi più alti in coscienziosità e gradevolezza e meno nel nevroticismo, rispetto a persone di età inferiore ai 20 anni.

"Quando guardiamo a grandi gruppi di persone", osserva il Prof. Amaral, "è chiaro che ci sono tendenze, che alcune persone potrebbero cambiare alcune di queste caratteristiche nel tempo", suggerendo che "questo potrebbe essere un argomento di ricerca futura".

Il Prof. Amaral e il team spiegano anche che questo tipo di ricerca sarebbe stata impossibile anni fa, senza il facile accesso ai grandi dati forniti da grandi progetti che si basano su Internet per reperire i partecipanti.

"La cosa veramente interessante è che uno studio con un set di dati così ampio non sarebbe stato possibile prima del web", afferma il Prof. Amaral.

"Precedentemente", aggiunge, "forse i ricercatori potrebbero reclutare studenti universitari nel campus, e forse ricevere qualche centinaio di persone. Ora abbiamo tutte queste risorse online disponibili e ora i dati vengono condivisi".

Sotto, puoi guardare i ricercatori mentre spiegano i metodi che hanno usato nel nuovo studio e l'importanza delle loro scoperte.

Questo post è stato utile per te?