L'acrilammide nel caffè è dannosa per la salute?

I chicchi di caffè tostati contengono piccole quantità di un composto chiamato acrilammide. In quantità elevate, l’acrilammide può essere dannosa. Ci sono anche preoccupazioni che possa anche causare il cancro.

Tuttavia, la ricerca suggerisce che bere caffè con moderazione è generalmente sicuro e può anche avere una serie di benefici per la salute.

In questo articolo, esploriamo cos’è l’acrilammide e se è dannoso. Discutiamo anche quali tipi di caffè contengono acrilamide, quanto è nel caffè e se le persone dovrebbero smettere di bere caffè.

Copriamo anche le opzioni di caffè senza acrilamide e altri prodotti contenenti acrilammide.

Cos’è l’acrilammide?

L’acrilammide è una sostanza chimica cristallina bianca e inodore che i produttori utilizzano in diversi processi industriali e chimici, compresa la produzione di materie plastiche, tessuti, coloranti e carta, nonché il trattamento dell’acqua potabile.

L’acrilammide è anche presente in:

  • calafatare
  • alcuni adesivi
  • imballaggio alimentare
  • fumo di sigaretta

Secondo l’American Cancer Society, l’acrilammide è un sottoprodotto naturale del processo di cottura di alcuni tipi di alimenti ricchi di amido ad alte temperature. L’acrilammide si trova anche nei chicchi di caffè come sottoprodotto del processo di tostatura.

L’acrilammide è dannosa?

L’esposizione prolungata ad alte concentrazioni di acrilammide può danneggiare il sistema nervoso umano. Tuttavia, questo è generalmente solo un rischio per le persone direttamente coinvolte in processi industriali che utilizzano acrilamide.

Negli Stati Uniti, tuttavia, ci sono norme in vigore per limitare l’esposizione all’acrilamide sul posto di lavoro. L’Environmental Protection Agency (EPA) regola anche i livelli di acrilammide nell’acqua potabile.

Ci sono anche preoccupazioni sul fatto che l’esposizione prolungata all’acrilamide possa aumentare il rischio di cancro.

Infatti, l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) classifica l’acrilammide come cancerogeno del gruppo 2A. Ciò significa che l’IARC crede che l’acrilamide probabilmente causi il cancro negli esseri umani.

Tuttavia, la maggior parte delle prove disponibili proviene da studi sugli animali, quindi è necessaria più ricerca negli esseri umani.

L’EPA classifica anche l’acrilammide come “probabile cancerogeno per l’uomo” ma richiede più dati dagli studi sull’uomo per ottenere una conclusione più ferma.

Tuttavia, una revisione sistematica del 2014 ha trovato prove insufficienti da studi sull’uomo a sostegno di un legame tra l’acrilamide alimentare e il cancro. Gli autori hanno concluso che sono necessarie ulteriori ricerche.

Quali tipi di caffè contengono acrilamide?

L’acrilammide si forma durante la tostatura del caffè. Qualsiasi tipo di prodotto di caffè che deriva da chicchi di caffè tostato conterrà acrilamide, compreso il caffè istantaneo.

I succedanei del caffè, come i caffè di radice di cereali e cicoria, che hanno subito la tostatura contengono anche acrilammide.

Tuttavia, la quantità di acrilammide presente in questi diversi tipi di caffè può variare. Discuteremo queste variazioni in maggior dettaglio nella sezione seguente.

Quanto l’acrilammide è nel caffè?

La quantità di acrilammide nel caffè varia, ma questo dipende dal tempo di tostatura piuttosto che dalla varietà di fagioli.

Uno studio del 2013 ha studiato la quantità di acrilamide in 42 diversi tipi di caffè, compresi alcuni caffè istantanei e sostituti del caffè.

I ricercatori hanno scoperto che, in media:

  • I sostituti del caffè, come quelli derivati ​​dai grani e dalla radice di cicoria, contenevano la massima concentrazione di acrilammide, a 818 microgrammi per chilogrammo (mcg / kg).
  • Il caffè istantaneo conteneva 358 mcg / kg di acrilammide.
  • Il caffè tostato naturale conteneva la minor quantità di acrilammide, a 179 mcg / kg.

Hanno anche riferito che non vi era alcuna differenza significativa nel contenuto di acrilamide tra diversi tipi di chicchi di caffè.

Dovresti smettere di bere caffè?

Sebbene il caffè contenga piccole quantità di acrilammide, la ricerca suggerisce che bere caffè può effettivamente proteggere da certi tipi di cancro, oltre a fornire altri benefici per la salute.

Ad esempio, l’autore di una revisione del 2015 ha riconosciuto che il caffè contiene sostanze chimiche potenzialmente dannose come l’acrilammide, ma non ha trovato un legame tra bere caffè e un aumentato rischio di cancro. Infatti, hanno trovato prove che suggeriscono che il consumo di caffè può ridurre il rischio di una persona di sviluppare tumori del colon-retto, cancro del fegato e tumori al seno.

Inoltre, un documento di studio del 2017 ha esaminato una serie di meta-analisi sugli effetti sulla salute del consumo di caffè. I suoi autori hanno concluso che bere caffè con moderazione è generalmente sicuro ed è più probabile che avvantaggi che danneggiare la salute di una persona.

Hanno anche trovato un’associazione tra bere caffè e un rischio inferiore di alcuni tipi di cancro, tra cui:

  • cancro alla prostata
  • tumore endometriale
  • cancro orale
  • cancro al fegato
  • leucemia
  • cancro della pelle

Lo studio ha suggerito una serie di altri benefici, tra cui un rischio ridotto di:

  • morbo di Parkinson
  • Il morbo di Alzheimer
  • malattia del cuore
  • malattia del fegato
  • depressione
  • mortalità per tutte le cause

Gli scienziati hanno scoperto che le persone che bevevano tre o quattro tazze di caffè al giorno ne beneficiavano di più. La Food and Drug Administration (FDA) raccomanda agli adulti di limitare l’assunzione di caffè a quattro o cinque tazze al giorno.

Opzioni di caffè senza acrilamide

Tutti i tipi di caffè contenenti semi tostati contengono dell’acrilamide. I sostituti del caffè, come i caffè di radice di cereali e cicoria, contengono anche acrilammide se hanno subito un processo di tostatura.

L’unico tipo di caffè che non contiene acrilamide è quello che contiene chicchi di caffè non torrefatti o verdi. Tuttavia, questi caffè possono avere un sapore molto diverso rispetto alle varietà tostate.

Una gamma di caffè non torrefatti è disponibile per l’acquisto online.

Quali altri alimenti contengono acrilamide?

L’acrilamide è presente nella varietà di cibi cotti e cotti.

Quando le persone cucinano certi tipi di cibo amido alle alte temperature, produrranno piccole quantità di acrilammide. Gli scienziati chiamano questo processo chimico la reazione di Maillard.

Gli alimenti che possono contenere acrilammide includono:

  • cereali da colazione
  • prodotti da forno come pane e biscotti
  • patatine
  • patatine fritte

Sommario

L’acrilammide è un sottoprodotto del processo di tostatura, quindi qualsiasi caffè che contiene semi tostati, compreso il caffè istantaneo, conterrà piccole quantità di questa sostanza chimica.

I sostituti del caffè, come il caffè di cicoria di grano, lo contengono anche se hanno subito un processo di tostatura.

L’acrilamide è presente anche nell’acqua potabile e in una varietà di cibi cotti e cotti.

Sebbene vi siano preoccupazioni sul fatto che l’acrilammide possa essere cancerogena, la maggior parte delle ricerche suggerisce che il caffè può effettivamente proteggere da diversi tipi di cancro e altre condizioni e che bere con moderazione il caffè è generalmente sicuro.

Le persone che bevono spesso caffè ma desiderano evitare l’acrilammide potrebbero desiderare di provare chicchi di caffè non torrefatti o verdi.

Questo post è stato utile per te?