Il virus comune potrebbe accelerare la fibrosi cistica

Un nuovo studio ha scoperto che il citomegalovirus, che normalmente è dormiente nelle persone che lo possiedono, può tornare attivo nelle persone con fibrosi cistica che sviluppano infezioni polmonari.

La fibrosi cistica è una condizione ereditaria. Provoca danni ai polmoni e al sistema digestivo ed è potenzialmente letale.

I sintomi comuni della fibrosi cistica comprendono tosse persistente, passaggi nasali infiammati, respiro sibilante, dispnea, grave stitichezza e infezioni polmonari.

La fibrosi cistica si verifica a causa di una mutazione del gene che colpisce la proteina che regola il movimento del sale dentro e fuori le cellule.

Il muco, che è normalmente sottile e scivoloso, diventa appiccicoso e spesso e intasa i tubi che portano l'aria dentro e fuori i polmoni.

Questo rende difficile tossire il muco dai polmoni. La respirazione può diventare difficile e causare complicanze quali infezioni polmonari croniche, polipi nasali, tosse con sangue, insufficienza respiratoria, diabete e complicanze del sistema riproduttivo.

Studio del citomegalovirus e della fibrosi cistica

Il citomegalovirus è un tipo di virus dell'herpes comune, tipicamente innocuo, che le persone tendono a contrarre durante la tarda adolescenza e la prima età adulta. Il virus solitamente non causa sintomi, ma può tornare attivo e diffondersi più rapidamente dopo l'infezione con altri batteri.

Una nuova ricerca nel European Respiratory Journal ha rilevato che le persone con fibrosi cistica che hanno anche il virus possono sperimentare una progressione della malattia più veloce rispetto a quelle che non hanno il virus.

"Sappiamo già che il citomegalovirus può danneggiare la salute di (persone con fibrosi cistica) che hanno avuto un trapianto di polmone, in quanto può aumentare il rischio di rigetto di organi", afferma il ricercatore Michael Parkins, dell'Università di Calgary in Canada.

"Ma," prosegue, "sappiamo molto poco su come questo virus colpisce i pazienti con fibrosi cistica pretrantrica".

Il team ha invitato 56 persone affette da fibrosi cistica – tutti i medici hanno fatto riferimento a un trapianto di polmone presso la clinica per la fibrosi cistica di Calgary – per partecipare allo studio.

Hanno registrato il loro sesso, indice di massa corporea (BMI), e livelli di istruzione, e la presenza di altre infezioni. Di queste persone, 30 (54,6 per cento) avevano il citomegalovirus.

I risultati dei ricercatori hanno rivelato che i medici hanno riferito di persone con citomegalovirus per trapianti di polmoni circa 8 anni prima di quelli che non avevano il virus. Quelli con il virus sono morti anche 10 anni prima, in media, rispetto alle persone che non avevano il virus.

"Il citomegalovirus è normalmente dormiente nelle persone che ce l'hanno, ma può tornare attivo e diffondersi più rapidamente dopo l'infezione con altri batteri", spiega Parkins.

"Sappiamo che (le persone con fibrosi cistica) hanno maggiori probabilità di sviluppare infezioni polmonari", afferma, "quindi è possibile che i cicli ripetuti di attivazione del virus esagerino il danno ai polmoni, contribuendo a una più rapida progressione della malattia".

Aprendo la strada per ulteriori ricerche

Parkins osserva che gli scienziati hanno studiato diversi vaccini contro il citomegalovirus che potrebbero prevenire possibili infezioni. In futuro, il trattamento potrebbe comportare farmaci regolari per rallentare la diffusione del virus, oppure le persone possono ricevere un trattamento solo quando il virus si attiva.

"L'associazione che abbiamo trovato non significa necessariamente che il citomegalovirus causa direttamente una più rapida progressione della malattia – sono necessari ulteriori studi prima che una dichiarazione così audace possa essere fatta", afferma Parkins.

"Tuttavia, i nostri risultati forniscono la prima indicazione che questo virus può avere un impatto sulla progressione della fibrosi cistica, potenzialmente portando a una precedente segnalazione di trapianto e persino alla morte."

Michael Parkins

Questi risultati suggeriscono che il virus potrebbe essere un contributo non riconosciuto della fibrosi cistica, ma lo studio è stato limitato dal numero limitato di partecipanti. I ricercatori avvertono che i risultati dello studio non confermano il ruolo del virus.

Stanno "conducendo ulteriori ricerche in questo settore usando registri internazionali più grandi e centri di pazienti multipli".

Questo post è stato utile per te?