Ossa / Ortopedia

Il sonno breve può danneggiare la salute delle ossa nelle donne anziane

Il sonno insufficiente può essere dannoso per la salute delle ossa? Una nuova ricerca nelle donne in postmenopausa ha scoperto che coloro che dormivano per non più di 5 ore a notte avevano maggiori probabilità di avere una densità minerale ossea inferiore (BMD) e osteoporosi.

Un team dell’Università di Buffalo, New York, ha guidato lo studio di 11.084 donne in postmenopausa, tutte partecipanti alla Women’s Health Initiative.

Un recente articolo del Journal of Bone and Mineral Research fornisce un resoconto completo dei risultati.

L’indagine segue quella precedente in cui il team aveva collegato il sonno corto a una maggiore probabilità di frattura ossea nelle donne.

“Il nostro studio suggerisce che il sonno può avere un impatto negativo sulla salute delle ossa, aggiungendo all’elenco degli impatti negativi sulla salute del sonno scarso”, afferma l’autore principale dello studio Heather M. Ochs-Balcom, Ph.D., professore associato di epidemiologia e salute ambientale presso la University of Buffalo School of Public Health and Health Professions.

“Spero”, aggiunge, “che possa anche servire da promemoria per lottare per le 7 o più ore di sonno raccomandate a notte per la nostra salute fisica e mentale”.

Rimodellamento osseo e osteoporosi

L’osso è un tessuto vivente che subisce una formazione e un riassorbimento continui. Il processo, noto come rimodellamento osseo, rimuove il vecchio tessuto osseo e lo sostituisce con nuovo tessuto osseo.

“Se dormi meno, una possibile spiegazione è che il rimodellamento osseo non sta avvenendo correttamente”, spiega Ochs-Balcom.

Il termine osteoporosi significa osso poroso e si riferisce a una condizione che si sviluppa quando la qualità e la densità dell’osso sono notevolmente ridotte. L’osteoporosi è più comune negli adulti più anziani, con le donne anziane che hanno il più alto rischio di svilupparlo.

Nella maggior parte delle persone, la forza ossea e la densità raggiungono il picco quando hanno circa 20 anni. Successivamente, mentre continuano a invecchiare, il tasso di riassorbimento osseo supera gradualmente quello della formazione. La densità ossea delle donne si riduce più rapidamente durante i primi anni dopo la menopausa.

In tutto il mondo, circa 1 su 3 donne e 1 su 5 uomini di 50 anni e più sono a rischio di subire fratture ossee a causa dell’osteoporosi, secondo la International Osteoporosis Foundation.

I siti più comuni di frattura nelle persone con osteoporosi sono i fianchi, i polsi e la colonna vertebrale.

Le fratture vertebrali possono essere gravi, causando forti dolori alla schiena, irregolarità strutturali e perdita di altezza. Anche le fratture dell’anca sono preoccupanti, poiché spesso richiedono un intervento chirurgico e possono portare alla perdita di indipendenza. Inoltre comportano un aumentato rischio di morte.

Misure BMD inferiori legate al sonno corto

Nel nuovo studio, il team ha scoperto che rispetto alle donne che dormivano di più, coloro che riferivano di dormire solo fino a 5 ore a notte avevano valori significativamente più bassi in quattro misure di BMD.

Le quattro misure BMD riguardavano tutto il corpo, l’anca, il collo e la colonna vertebrale.

I ricercatori osservano che le misure di BMD inferiore nel gruppo del sonno corto erano equivalenti a 1 anno in più.

I risultati erano indipendenti da altri fattori che potrebbero potenzialmente influenzarli, come l’età, la razza, gli effetti della menopausa, lo stato di fumo, l’uso di alcol, l’indice di massa corporea (BMI), l’uso di sonniferi, l’esercizio fisico e il tipo di scanner per la densità ossea .

I ricercatori sottolineano che c’è un messaggio positivo in questi risultati: il sonno, come con la dieta e l’esercizio fisico, è spesso qualcosa che le persone possono lavorare per cambiare.

“È davvero importante mangiare la salute (completamente) e l’attività fisica è importante per la salute delle ossa. Questa è la parte eccitante di questa storia – la maggior parte di noi ha il controllo su quando spegniamo le luci, quando spegniamo il telefono.”

Heather M. Ochs-Balcom, Ph.D.

Questo post è stato utile per te?

+0

Ti potrebbe interessare

Menu