Dermatologia

Il PRP può trattare la caduta dei capelli?

Il plasma ricco di piastrine (PRP) è un trattamento che i medici usano per accelerare la guarigione in varie aree del corpo. Può aiutare a ripristinare la crescita dei capelli.

I medici di solito usano questo trattamento quando la perdita di capelli deriva da alopecia androgenetica, una condizione comune che provoca il restringimento dei follicoli piliferi. Nei maschi, questo si chiama calvizie maschile.

Sebbene il PRP sia un approccio relativamente nuovo, ci sono alcune prove scientifiche che suggeriscono che può promuovere la crescita dei capelli.

In questo articolo, descriviamo come i medici usano il PRP per trattare la caduta dei capelli e cosa dicono i ricercatori sulla sua efficacia.

Che cos’è il PRP?

Per capire come funziona il PRP, è importante essere consapevoli del ruolo che le piastrine svolgono nella guarigione.

Le piastrine sono un componente del sangue, insieme ai globuli rossi e bianchi. Quando una persona subisce un taglio o una ferita, le piastrine sono alcuni dei “primi soccorritori” del corpo che arrivano per fermare l’emorragia e promuovere la guarigione.

I ricercatori hanno teorizzato che se fossero in grado di estrarre piastrine concentrate e iniettarle in aree danneggiate del corpo, potrebbero accelerare la guarigione.

Per produrre il PRP, un medico preleva un campione di sangue e lo inserisce in una macchina chiamata centrifuga. Questa macchina gira ad un ritmo rapido, che separa i componenti del sangue. Il medico quindi estrae le piastrine per l’iniezione.

Il PRP contiene una serie di fattori di crescita e proteine ​​che accelerano la riparazione dei tessuti. Poiché alcuni tipi di perdita di capelli derivano da danni ai follicoli piliferi, i ricercatori inizialmente hanno ipotizzato che il PRP potesse aiutare a ricrescere i capelli invertendo il processo che si verifica in alopecia androgenetica.

Da allora, il PRP è diventato un metodo popolare per ripristinare la crescita dei capelli. I medici hanno anche utilizzato il PRP per curare lesioni a tendini, muscoli e legamenti, come quelli che le persone subiscono durante le attività sportive.

Le lesioni sportive spesso colpiscono le ginocchia. Qui, scopri se il PRP per le lesioni al ginocchio è efficace.

È efficace?

Nel 2019, un team di ricercatori ha effettuato una revisione sistematica della ricerca sul PRP come trattamento per la caduta dei capelli. Le loro scoperte compaiono sulla rivista Aesthetic Plastic Surgery.

L’analisi si è infine concentrata su 11 articoli di ricerca che includevano un totale di 262 partecipanti con alopecia androgenetica. Secondo gli autori, la maggior parte degli studi ha scoperto che le iniezioni di PRP hanno ridotto la caduta dei capelli e aumentato il diametro dei capelli e la densità della crescita dei capelli.

Hanno riconosciuto, tuttavia, che il trattamento è controverso, rilevando che piccole dimensioni del campione e bassa qualità della ricerca sono stati tra i fattori limitanti della loro indagine.

Un’altra revisione sistematica del 2019, presentata in Chirurgia dermatologica, ha esaminato i risultati di 19 studi che studiano il PRP come trattamento per la caduta dei capelli. Questi studi hanno reclutato 460 persone in totale. Secondo gli autori della revisione, la maggior parte degli studi ha riportato che i trattamenti PRP hanno portato alla ricrescita dei capelli in quelli con alopecia androgenetica e alopecia areata.

Gli autori di un’ulteriore revisione degli studi clinici, pubblicata dall’International Journal of Women’s Dermatology, consideravano il PRP un trattamento “promettente” per la caduta dei capelli, in base ai loro risultati.

Tuttavia, il team ha osservato che, poiché vari ricercatori e cliniche utilizzano preparazioni, intervalli di sessione e tecniche di iniezione diversi per amministrare il PRP, i suoi effetti possono variare.

A questo punto, senza un protocollo standardizzato per iniezioni, spiegano gli autori, è difficile concludere che il trattamento sia efficace.

Qui, scopri altri trattamenti per il diradamento dei capelli.

Procedura

I seguenti passaggi sono un esempio di un approccio comune alle iniezioni di PRP per la caduta dei capelli:

  • Un medico preleva il sangue da una vena del braccio.
  • Mettono il campione di sangue in una centrifuga.
  • La centrifuga gira il sangue, separando i suoi componenti.
  • Un medico estrae le piastrine con una siringa.
  • Un medico inietta le piastrine in aree mirate del cuoio capelluto.

L’intero processo potrebbe richiedere circa 1 ora e potrebbero essere necessarie diverse sessioni. Dopo aver ricevuto il trattamento con PRP, di solito una persona può tornare alle sue normali attività senza alcuna limitazione.

Alcuni cambiamenti nella dieta e nella routine quotidiana possono aiutare a promuovere la crescita dei capelli o prevenire la caduta dei capelli. Scopri di più qui.

Quanto dura?

Il PRP non è una cura per le condizioni che causano la caduta dei capelli. Per questo motivo, una persona avrebbe bisogno di ricevere più trattamenti PRP nel tempo per mantenere i risultati della crescita dei capelli. Lo stesso vale per i farmaci che i medici usano comunemente per trattare l’alopecia androgenetica, come il minoxidil topico (Regaine) e la finasteride orale (Propecia).

Le raccomandazioni del medico per quanto spesso una persona dovrebbe avere il PRP varieranno a seconda delle condizioni di una persona e dei risultati del loro trattamento iniziale. Il medico può suggerire di effettuare iniezioni di mantenimento ogni 3-6 mesi una volta che la perdita di capelli è sotto controllo.

Effetti collaterali

Poiché la soluzione PRP è costituita dai componenti del sangue di una persona, ci sono pochi rischi di una reazione alla soluzione stessa.

Tuttavia, le persone sottoposte a trattamenti PRP per la caduta dei capelli possono manifestare i seguenti effetti indesiderati:

  • lieve dolore nel sito di iniezione
  • tenerezza del cuoio capelluto
  • gonfiore
  • mal di testa
  • pizzicore
  • sanguinamento temporaneo nel sito di iniezione

Sommario

I ricercatori hanno trovato prove che il PRP può portare a una rinnovata crescita dei capelli. Tuttavia, a causa delle limitazioni di questi studi – come ad esempio campioni di piccole dimensioni – e la variazione della tecnica e del protocollo tra i medici, sono necessarie ulteriori ricerche per confermare l’efficacia del PRP.

Medici e ricercatori devono anche identificare i migliori candidati per PRP e sviluppare protocolli di trattamento universali.

Al momento, chiunque abbia una perdita di capelli da lieve a moderata che sia interessato al PRP dovrebbe chiedere al medico se è probabile che trarrà beneficio dal trattamento.

Questo post è stato utile per te?

+0

Ti potrebbe interessare

Menu