Il diabete può influenzare la diffusione del cancro?

Alcuni ricercatori sostengono che potrebbe esserci un legame diretto tra il diabete e l’esposizione ad un aumentato rischio di metastasi nel cancro. Una nuova ricerca convalida questa idea, spiegando come il diabete possa elevare questo rischio.

Centinaia di milioni di persone in tutto il mondo vivono con una forma di diabete, che rende questa una delle condizioni di salute più comuni che i medici diagnosticano.

Le persone con diabete tendono ad avere un rischio più elevato di sviluppare determinate condizioni mediche aggiuntive, inclusi problemi alla vista, malattie cardiache e altri problemi cardiovascolari.

Ora, prove emergenti suggeriscono anche che il diabete potrebbe aumentare il rischio di tumori che metastatizzano – o si diffondono – nel cancro.

Recentemente, un team di ricercatori della Cornell University di Ithaca, NY, ha esplorato i potenziali meccanismi alla base del rapporto tra diabete e cancro metastatico.

“Il cancro e il diabete sono due dei peggiori problemi di salute nei paesi sviluppati, e c’è un legame tra i due”, dice l’autore dello studio Prof. Mingming Wu.

“Per il cancro, metà della storia è ancora in genetica, solo di recente ci siamo resi conto che c’è un’altra metà che ci è sfuggita, che è il microambiente”, aggiunge il professor Wu.

In altre parole, la crescita e la diffusione del cancro potrebbero essere altamente dipendenti dall’ambiente biologico che la circonda e il diabete, secondo i ricercatori, potrebbe creare la giusta impostazione per aumentare la motilità (capacità di movimento) delle cellule tumorali.

“La glicazione aumenta il tasso di metastasi”

Metastasi – o diffusione del cancro – si verifica quando le cellule tumorali sono in grado di “viaggiare” dal sito dei tumori primari verso altre parti del corpo, dando origine a nuovi tumori.

Per arrivare dal sito di un tumore primario ad altre parti del corpo, le cellule tumorali devono navigare nella matrice extracellulare, una rete che fornisce supporto e struttura alle cellule del corpo. Diversi tipi di macromolecole, che comprendono collagene e glicoproteine, costituiscono questa matrice.

Il Prof. Wu e colleghi spiegano che un aumento della glicemia nelle persone con diabete può avere un impatto sulla struttura delle fibre di collagene in un modo che rende più facile il movimento delle cellule tumorali.

Le modifiche alle fibre di collagene avvengono attraverso un processo chiamato “glicazione”, una reazione tra zuccheri e proteine ​​o altri composti biologici.

“(Le persone con diabete) hanno livelli di zucchero nel sangue più alti, che portano alla glicazione e modifica la struttura del collagene nei loro tessuti”, spiega l’autore principale dello studio, Young Joon Suh, che è attualmente uno studente laureato alla Cornell.

“Se hanno il cancro, crediamo che questo processo di glicazione promuova il tasso di metastatizzazione”.

Giovane Joon Suh

Nel loro studio – i cui risultati appaiono nella rivista Integrative Biology – i ricercatori hanno testato questo meccanismo osservando come le cellule cancerose provenienti da tumori al seno sono state trasportate in ambienti con diversi livelli di glicazione.

I loro esperimenti hanno rivelato che le cellule avevano un aumento della motilità – cioè, erano in grado di muoversi a velocità più elevate, e anche di “viaggiare” più lontano dal sito originale – quando il loro ambiente aveva un’alta glicazione.

In effetti, il team spiega che la velocità media di movimento delle cellule del cancro al seno era più alta in tutti e tre i tipi di ambienti di collagene che utilizzavano – quando erano glicate.

Questi risultati, secondo i ricercatori, indicano che le condizioni che il diabete crea nel corpo possono effettivamente aumentare il rischio di metastasi di una persona se hanno il cancro.

Andando avanti, gli scienziati mirano a distinguere ulteriormente tra l’impatto meccanico e chimico della glicazione sul processo di metastasi.

“Il lavoro futuro sarà necessario per chiarire l’impatto biochimico della glicazione nell’invasione delle cellule tumorali”, scrivono i ricercatori.

Questo post è stato utile per te?