Nutrizione / Dieta

Dieta Keto: gli scienziati trovano un collegamento con il rischio di diabete

Trovando un collegamento a una condizione che aumenta il rischio di diabete di tipo 2, una nuova ricerca mette in discussione i benefici per la salute delle diete chetogeniche.

Le diete chetogeniche sono diete a basso contenuto di carboidrati e ad alto contenuto di grassi che hanno dimostrato di ridurre il peso. Cambiano il metabolismo in modo che l'energia provenga dal grasso anziché dallo zucchero.

Quando i ricercatori di Switzlerland hanno esaminato cosa è successo ai topi nelle fasi iniziali di una dieta chetogenica, hanno scoperto che gli animali mostravano una scarsa capacità di regolare lo zucchero nel sangue rispetto a topi simili con una dieta ricca di grassi e ricca di carboidrati.

In un articolo sul loro lavoro ora pubblicato sul Journal of Physiology, si nota che "anche se gli animali a dieta [keto diet] appaiono sani a digiuno, mostrano una ridotta tolleranza al glucosio in misura maggiore rispetto a [dieta ricca di grassi] -avere animali. "

La ragione di ciò, hanno scoperto, era che i fegati dei topi nutriti con dieta keto non rispondevano bene all'insulina. Questa condizione, nota come resistenza all'insulina, aumenta il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

"Il diabete è uno dei maggiori problemi di salute che dobbiamo affrontare", afferma l'autore dello studio Christian Wolfrum, che lavora con l'Istituto di alimentazione, nutrizione e salute presso l'ETH di Zurigo in Svizzera.

Insulino-resistenza

L'insulina è un ormone che aiuta i livelli di controllo del corpo di zucchero nel sangue o glucosio. Se la glicemia rimane al di sopra del normale per lunghi periodi di tempo, diventa una condizione chiamata iperglicemia che può portare a seri problemi di salute. Questo è il segno distintivo del diabete.

Nel diabete di tipo 1, l'iperglicemia si sviluppa perché il pancreas non produce abbastanza insulina. Nel diabete di tipo 2, organi e tessuti perdono la capacità di rispondere all'insulina. Il pancreas cerca di compensare facendo più insulina, ma alla fine questo non è sufficiente e porta all'iperglicemia.

Esistono diversi modi in cui l'insulina aiuta a controllare i livelli di glucosio nel sangue. Uno è segnalando al fegato per ridurre la produzione di glucosio, e un altro è aiutando muscoli e tessuti ad assorbire il glucosio e convertirlo in energia.

La resistenza all'insulina è un "disturbo metabolico complesso" senza una singola causa evidente. Il fegato diventa insulino-resistente quando non riesce a ridurre la produzione di glucosio in risposta all'insulina.

Le cellule possono anche diventare resistenti all'insulina quando hanno bisogno di quantità crescenti di ormone per aiutarle a utilizzare il glucosio.

Tuttavia, i ricercatori hanno scoperto che il motivo principale per la riduzione della tolleranza al glucosio nei topi nutriti con dieta cheto era dovuto all'insulino-resistenza nel fegato "piuttosto che alla ridotta clearance del glucosio e all'assorbimento del glucosio nei tessuti".

Nonostante un'estesa ricerca sulle cause dell'insulino-resistenza e sul diabete di tipo 2, non sono completamente compresi.

Una cosa che gli scienziati sanno è che le sostanze grasse chiamate lipidi sono "chiaramente associate alla resistenza all'insulina". Anche qui, tuttavia, rimangono molte domande, come ad esempio: "Il legame è dovuto ai grassi circolanti o all'accumulo di grasso nei tessuti?"

Diete chetogeniche e chetosi

Riducendo drasticamente l'assunzione di carboidrati, le diete cheto inducono uno stato metabolico noto come chetosi. In questo stato, le cellule che normalmente otterrebbero la loro energia dal glucosio passano ai chetoni.

La mancanza di carboidrati fa sì che il corpo abbatta i grassi in acidi grassi e poi in chetoni.

Le diete Keto sono probabilmente tra gli approcci più "studiati" alla perdita di peso negli ultimi tempi.

Molte ricerche sostengono ora l'idea che le diete chetoniche abbiano un suono "base fisiologica e biochimica" e possono migliorare in modo significativo la salute cardiovascolare.

Questa è una buona notizia per molti medici, per i quali una delle maggiori sfide che devono affrontare nelle loro pratiche quotidiane è la cura dell'obesità.

Tuttavia, mentre le diete keto hanno una comprovata esperienza nella lotta all'obesità, permangono alcune preoccupazioni. Molti di questi probabilmente riguardano una "ampia mancanza di conoscenza sui meccanismi fisiologici coinvolti".

Meccanismi di resistenza all'insulina non chiari

Il nuovo studio aiuta a colmare parte di questo vuoto di conoscenze. Suggerisce che l'insulino-resistenza nel fegato può svilupparsi nelle prime fasi delle diete keto. Questo deve ora essere confermato negli umani.

Inoltre, i meccanismi sottostanti che portano alla insulino-resistenza non sono ancora chiari, specialmente in relazione alle diverse diete. Anche questo deve essere esplorato ulteriormente, affermano i ricercatori.

Un'altra area che necessita di ulteriori ricerche è l'effetto sul cervello dei sottoprodotti della disgregazione degli acidi grassi. La teoria dei ricercatori è che i sottoprodotti di acidi grassi potrebbero avere importanti "ruoli di segnalazione" nel cervello.

"Anche se le diete chetogeniche sono conosciute per essere sani, i nostri risultati indicano che potrebbe esserci un aumento del rischio di insulino-resistenza con questo tipo di dieta che può portare al diabete di tipo 2".

Christian Wolfrum

Questo post è stato utile per te?

+0

Ti potrebbe interessare

Menu