Odontoiatria

Cosa succede quando rimuovi il fluoruro dall'acqua del rubinetto?

Se vivi negli Stati Uniti, è altamente probabile che l'acqua del rubinetto che usi sia arricchita con fluoro, una sostanza che aiuta a prevenire la carie. Tuttavia, a causa delle preoccupazioni che l'acqua fluorizzata possa aumentare il rischio di altre malattie, la capitale dell'Alaska ha fermato questa pratica. Quello che è successo?

La maggior parte delle regioni degli Stati Uniti e alcuni altri paesi in tutto il mondo aggiungono quantità specifiche di fluoruro alle proprie riserve idriche della comunità.

Lo fanno perché il fluoro può prevenire efficacemente o, in alcuni casi, invertire la formazione di cavità dei denti. Il fluoro promuove la remineralizzazione dei denti, rafforzando il loro smalto e aiutandoli così a combattere i batteri che causano il decadimento.

Per lo stesso motivo, la maggior parte dei tipi di dentifricio e molti prodotti per il colluttorio contengono del fluoruro. Tuttavia, il fluoruro ingerito tende ad accumularsi nelle nostre ossa, il che ha portato alcune persone a temere che bere acqua fluorizzata possa aumentare il rischio di vari problemi di salute. Questi includono il cancro, in particolare l'osteosarcoma, che è un tipo di cancro che inizia nelle ossa.

Tali preoccupazioni hanno portato l'Assemblea municipale di Juneau a dirigere la cessazione della fluorizzazione delle acque comunitarie nella loro area, a partire dal 2007.

In un nuovo studio pubblicato di recente dalla rivista BMC Oral Health, un gruppo di ricerca del College of Health Sciences della Walden University di Minneapolis, MN, e del College of Health presso l'Università dell'Alaska Anchorage ha studiato gli effetti di questa decisione sul salute orale dei giovani abitanti di Juneau.

Aumento delle richieste di cure dentistiche

Il team di ricerca, guidato da Jennifer Meyer dell'Università di Anchorage in Alaska, ha esaminato i registri dentali di tutti i bambini e adolescenti di Juneau che hanno accesso ai servizi di salute dentale tramite Medicaid nel 2003 e nel 2012.

Meyer e colleghi hanno considerato il 2003 un "anno ottimale per la fluorizzazione dell'acqua nella comunità" e hanno analizzato le richieste di assistenza dentale di 853 bambini e adolescenti di età compresa tra 18 e 18 anni che hanno ricevuto cure dentali quell'anno.

I ricercatori hanno confrontato questi dati con quello di 1.052 bambini e adolescenti che hanno ricevuto cure odontoiatriche nel 2012, 5 anni dopo che l'assemblea della città di Juneau aveva votato per la cessazione della fluorizzazione dell'acqua nella comunità.

L'analisi dei dati ha rivelato che, come scrivono gli autori dello studio, "il numero medio di procedure correlate alla carie per i gruppi di età compresa tra 0 e 18 anni era significativamente più alto" nel gruppo di trattamento del 2012, quando l'acqua della comunità non conteneva più fluoro, rispetto al gruppo del 2003, prima della decisione di porre fine alla fluorizzazione dell'acqua.

Più specificamente, "le probabilità di un bambino o adolescente sottoposto a una procedura di carie dentale nel 2003 era 25,2 [percentuale] inferiore a quella di un bambino o adolescente in [2012]", spiegano gli autori dello studio.

Ciò suggerisce che il fluoruro aggiunto ha avuto un effetto protettivo sulla salute orale, che manca ora che i rifornimenti idrici della comunità non passano più attraverso il processo di fluorizzazione.

Fluoruro d'acqua naturale sotto livelli ottimali

Meyer e il team hanno anche riscontrato che, di conseguenza, i costi per la fornitura di cure dentistiche agli abitanti di Juneau di età compresa tra 0 e 18 anni sono aumentati significativamente nel 2012 rispetto al 2003, anche dopo l'aggiustamento per tener conto degli effetti dell'inflazione.

Tuttavia, una scoperta più intrigante dello studio è stata che i bambini di età inferiore ai 7 anni hanno ricevuto interventi più numerosi per il trattamento delle carie nel 2012 rispetto ai bambini che erano nella stessa fascia di età nel 2003.

Ancora una volta, i ricercatori hanno riscontrato un corrispondente aumento dei costi per le cure dentistiche nei bambini piccoli nel 2012.

"Dopo essersi adeguati all'inflazione, abbiamo osservato un aumento del costo della terapia della carie del 73% [percentuale] attribuibile alla cessazione della fluorizzazione dell'acqua nella comunità e stimato a circa $ 255,60", scrivono gli autori, concludendo:

"I risultati di questo studio confermano i benefici dell'ottimale [fluorizzazione dell'acqua di comunità] supportato da precedenti ricerche e possono fornire ulteriori prove basate sulla ricerca riguardo alle conseguenze sulla salute orale e ai costi che possono sorgere quando [fluorizzazione dell'acqua di comunità] viene interrotta."

Poiché il fluoro si trova naturalmente nell'acqua, le fonti di acqua della comunità per Juneau contengono ancora parte di questo minerale anche dopo la cessazione della fluorizzazione artificiale.

Tuttavia, Meyer e il team osservano che il fluoruro si trova naturalmente in quantità molto inferiori rispetto a quelle che gli esperti considerano "ottimali per la prevenzione della carie". Infatti, i livelli di fluoro nelle fonti d'acqua di Juneau sono più di 10 volte inferiori ai livelli ottimali per la salute orale.

"Ricerche precedenti indicano che senza la presenza di livelli ottimali di fluoro nell'acqua potabile, e quindi nella bocca e nella saliva, i denti possono formare uno smalto più debole e mancare la capacità di rimineralizzare i primi segni di decadimento", avvertono i ricercatori dello studio.

Questo post è stato utile per te?

+0

Ti potrebbe interessare

Menu