Cosa sapere sulle emorroidi sanguinanti

Le emorroidi sono vasi sanguigni gonfiati dentro e intorno all’ano e al retto. Molte persone non sono consapevoli di avere emorroidi fino a quando non sanguinano, non si sentono a disagio o iniziano a causare dolore.

Secondo l’American Society of Colon and Rectal Surgeons, circa il 5% delle persone con emorroidi presenta sintomi come dolore, disagio e sanguinamento.

Un piccolo numero di queste persone può richiedere un trattamento chirurgico. Tuttavia, le persone di solito possono curare le emorroidi a casa.

In questo articolo, copriamo i sintomi delle emorroidi sanguinanti. Forniamo anche informazioni su rimedi casalinghi, trattamenti medici e quando consultare un medico.

Sintomi

Le emorroidi sanguinanti di solito si verificano dopo un movimento intestinale.

Una persona può vedere tracce o strisce di sangue sul tessuto dopo la pulizia. A volte, piccole quantità di sangue possono essere visibili nel water o nelle feci stesse.

Il sangue delle emorroidi sanguinanti è di solito rosso vivo. Le persone dovrebbero informare un medico se il sangue che vedono è più scuro, in quanto ciò può indicare un problema più in alto nel tratto gastrointestinale.

Altri sintomi di emorroidi includono:

  • sentire un nodulo o rigonfiamento intorno all’ano mentre si pulisce
  • sensazione che le feci siano bloccate all’interno dell’ano durante o dopo un movimento intestinale
  • difficoltà a ripulire dopo un movimento intestinale
  • prurito attorno all’ano
  • irritazione attorno all’ano
  • scarico simile al muco dall’ano
  • una sensazione di pressione attorno all’ano

A volte, all’interno dell’emorroidi può svilupparsi un coagulo di sangue. Questo si chiama emorroidi trombose.

Come un’emorroidi trombose si gonfia, la pressione dei tessuti circostanti può causarne la rottura e il sanguinamento.

Il sangue di un’emorroidi trombose tende ad essere scuro e coagulato. Spesso sono molto dolorosi e di solito richiedono un trattamento.

Rimedi casalinghi

Non tutte le emorroidi sanguinanti richiedono un trattamento medico.

Se una persona perde solo una piccola quantità di sangue e i suoi sintomi sono lievi, potrebbero essere in grado di curare le emorroidi a casa.

Alcuni rimedi domestici includono:

  • Fare bagni con vasca o sitz: Un bagno sitz è una piccola vasca di plastica che si adatta al sedile del water. Una persona riempie il bagno di acqua calda e vi si siede per circa 10 minuti, due o tre volte al giorno. Questo può aiutare ad alleviare il dolore e l’irritazione delle emorroidi.
  • Applicazione del ghiaccio: L’applicazione di impacchi di ghiaccio coperti di panno sulle aree gonfie per 10 minuti alla volta può aiutare a ridurre il dolore e l’infiammazione delle emorroidi.
  • Non ritardare i movimenti intestinali: Una persona dovrebbe cercare di non ritardare il movimento intestinale quando ha l’impulso di andare. L’attesa può rendere più difficile il passaggio delle feci ed è più probabile che irriti le emorroidi.
  • Applicazione di creme per emorroidi da banco: Queste creme di solito contengono steroidi che riducono l’infiammazione delle emorroidi.
  • Aumentare l’assunzione di fibre e acqua: Questo ammorbidisce le feci, facilitando il passaggio. Meno tensione durante i movimenti intestinali offre alle emorroidi la possibilità di guarire.

Quando vedere un dottore

Secondo un articolo sulla rivista Clinics in Colon and Rectal Surgery, le emorroidi sono la ragione più comune per cui le persone cercano aiuto dai chirurghi del colon e del retto.

Segni e sintomi che una persona dovrebbe consultare il proprio medico il più rapidamente possibile includono:

  • dolore costante alle emorroidi
  • sanguinamento costante dalle emorroidi
  • notando più di qualche goccia di sangue nel water
  • un nodulo bluastro sull’ano, che indica che l’emorroidi è probabilmente trombosa

Una persona dovrebbe consultare un medico il più presto possibile se sospetta di avere un’emorroidi trombose. Senza trattamento, le emorroidi trombose possono comprimere e danneggiare i vasi sanguigni nei tessuti sani circostanti.

Secondo un articolo sulla rivista Clinics in Colon and Rectal Surgery, un chirurgo dovrebbe idealmente rimuovere un’emorroidi trombosa entro 48-72 ore dalla comparsa dei sintomi.

Trattamenti medici

I trattamenti medici per le emorroidi sanguinanti dipendono dalla gravità dei sintomi e dal fatto che l’emorroidi sia interna o esterna.

Le emorroidi interne si formano all’interno del retto. Le emorroidi esterne si formano sotto la pelle intorno all’ano.

Le opzioni di trattamento per le emorroidi interne includono:

  • Fotocoagulazione a infrarossi: Questa procedura basata su un ufficio utilizza un laser per danneggiare il tessuto emorroidario, provocando la sua contrazione e la sua deformazione.
  • Legatura elastica: Questo trattamento prevede il posizionamento di una piccola fascia alla base di un’emorroide interna per interrompere l’afflusso di sangue. L’emorroide di solito cade circa 5-7 giorni dopo.
  • scleroterapia: Questo trattamento prevede l’iniezione di sostanze chimiche nell’emorroide per ridurla. Questo trattamento è adatto solo per emorroidi lievi.

Le opzioni di trattamento per le emorroidi esterne includono:

  • Rimozione in ufficio: A volte, un medico può rimuovere un’emorroide nel proprio ufficio. Ciò comporta intorpidire l’area con un anestetico locale, quindi tagliare via le emorroidi.
  • emorroidectomia: Questo approccio chirurgico alla rimozione delle emorroidi è di solito per emorroidi gravi, grandi o ricorrenti. È più invasivo della rimozione in ufficio. Alcuni interventi chirurgici possono richiedere l’anestesia generale.

Ulteriori informazioni sugli interventi chirurgici di emorroidi qui.

Le persone possono chiedere al proprio operatore sanitario le varie opzioni di trattamento disponibili.

Prevenzione

Le emorroidi sono spesso il risultato di uno sforzo eccessivo durante un movimento intestinale.

Un medico può pertanto raccomandare i seguenti suggerimenti per facilitare i movimenti intestinali e prevenire le emorroidi:

  • Aumentare gradualmente l’assunzione di cereali integrali, frutta, verdura e altre fonti di fibre alimentari: Le persone possono provare ad aggiungere una porzione di fibra al giorno fino a quando non raggiungono un’assunzione giornaliera di fibre di 20–35 grammi. Questo aiuta a regolare i movimenti intestinali.
  • Prendi un integratore di fibre una o due volte al giorno: Una persona deve sempre consultare il proprio medico per assicurarsi che un integratore di fibre non interferisca con altri farmaci.
  • Bere tra otto e 10 bicchieri d’acqua al giorno: L’intestino attira l’acqua nelle feci, facilitando il passaggio.
  • Esercizio: Imita un movimento intestinale chiamato peristalsi, che aiuta a spostare le feci attraverso l’intestino.
  • Evitare di sollevare oggetti pesanti: Il sollevamento di carichi pesanti causa un ulteriore sforzo nella pelvi, causando l’allungamento dei vasi sanguigni e il raggruppamento del sangue. Il sollevamento può quindi aumentare il rischio di emorroidi.

Sommario

Le emorroidi sanguinanti possono essere preoccupanti, ma non sono sempre dolorose e non richiedono sempre un intervento medico.

Adottare una dieta salutare e bere molta acqua può aiutare a ridurre i sintomi delle emorroidi sanguinanti.

Una persona dovrebbe consultare il proprio medico se il dolore o il sanguinamento peggiorano o se sospettano di avere un’emorroidi trombose. Un medico sarà in grado di raccomandare le opzioni di trattamento appropriate.

Questo post è stato utile per te?