Gastrointestinale / Gastroenterologia

Cosa sapere sulla sindrome dell'intestino che perde

La sindrome di permeabilità intestinale è una condizione digestiva che colpisce il rivestimento dell’intestino. Nella sindrome dell’intestino che perde, le lacune nelle pareti intestinali consentono ai batteri e ad altre tossine di passare nel flusso sanguigno.

Molti medici e operatori sanitari non riconoscono la sindrome di permeabilità intestinale (LGS) come condizione diagnosticabile. Tuttavia, le attuali prove scientifiche suggeriscono che l’intestino che perde può contribuire a una serie di condizioni mediche.

In questo articolo, discutiamo della LGS, nonché dei suoi sintomi, cause e fattori di rischio. Esaminiamo anche cosa dicono le ricerche attuali sull’intestino e l’autismo che perdono. Infine, copriamo i potenziali trattamenti per l’intestino che perde e forniamo suggerimenti per migliorare la salute generale dell’intestino.

Cos’è la sindrome di permeabilità intestinale?

Il tratto gastrointestinale (GI) è un tubo di organi collegati che va dalla bocca all’ano. Gli organi del tratto gastrointestinale includono:

  • l’esofago
  • lo stomaco
  • l’intestino tenue e crasso

Gli enzimi digestivi nello stomaco e nell’intestino tenue scompongono i nutrienti negli alimenti e bevono in molecole più piccole che il corpo utilizza per energia, crescita e riparazione.

L’intestino svolge anche un ruolo essenziale nella protezione del corpo da batteri e tossine nocivi.

Le aperture strette nelle pareti intestinali consentono all’acqua e ai nutrienti di passare attraverso il flusso sanguigno mantenendo al contempo le sostanze nocive all’interno. Nella LGS, queste aperture si allargano, permettendo alle particelle di cibo, ai batteri e alle tossine di entrare direttamente nel flusso sanguigno.

Microbiota intestinale e sindrome dell’intestino permeabile

L’intestino ospita anche una vasta gamma di batteri chiamati microbiota intestinale. Questi batteri aiutano la digestione, proteggono la parete intestinale e supportano la normale funzione immunitaria. La LGS può comportare squilibri nel microbiota intestinale.

Secondo un articolo del 2016, gli squilibri nel microbiota intestinale possono innescare la risposta immunitaria del corpo. Ciò provoca infiammazione intestinale e aumento della permeabilità intestinale (IP). La PI descrive la facilità con cui le sostanze possono fuoriuscire dall’intestino e nel flusso sanguigno.

Il legame tra LGS e altre condizioni di salute

L’intestino che perde può contribuire a diverse condizioni di salute. Esempi inclusi:

  • sindrome dell’intestino irritabile (IBS)
  • Morbo di Crohn
  • celiachia
  • malattia epatica cronica
  • diabete
  • allergie e sensibilità alimentari
  • sindrome delle ovaie policistiche

Non è ancora chiaro se LGS sia una causa o un sintomo di queste condizioni.

Tuttavia, un articolo di revisione del 2015 suggerisce che un aumento della PI può contribuire allo sviluppo della malattia infiammatoria intestinale (IBD). Una revisione separata del 2019 mostra l’evidenza di IP che si verificano prima dell’inizio del diabete di tipo 1.

Gli scienziati hanno anche studiato l’asse intestino-cervello. Questa è la relazione tra il tratto gastrointestinale e il cervello. Una revisione del 2017 suggerisce che l’intestino che perde può contribuire alle condizioni di salute mentale, come ansia e depressione. Tuttavia, gli scienziati devono condurre ulteriori ricerche per supportare questa affermazione.

Sintomi

L’intestino che perde condivide molti dei suoi sintomi con altre condizioni di salute. Questo può rendere difficile la condizione per i medici di identificare.

L’intestino che perde può causare o contribuire ai seguenti sintomi:

  • diarrea cronica, costipazione o gonfiore
  • carenze nutrizionali
  • fatica
  • mal di testa
  • confusione
  • difficoltà di concentrazione
  • problemi della pelle, come acne, eruzioni cutanee o eczema
  • dolori articolari
  • infiammazione diffusa

Cause e fattori di rischio

Gli esperti non sanno ancora esattamente quali siano le cause della sindrome di permeabilità intestinale. Tuttavia, vari fattori di rischio possono interrompere il microbiota intestinale e contribuire all’aumento della PI. Esempi inclusi:

  • cattiva alimentazione
  • consumo di alcool
  • infezioni
  • disturbi autoimmuni, come il lupus
  • diabete
  • stress

C’è qualche legame con l’autismo?

Gli esperti non sanno ancora esattamente perché si sviluppa l’autismo. Tuttavia, gli scienziati hanno suggerito che vari fattori genetici, biologici e ambientali potrebbero svolgere un ruolo.

Di recente, gli scienziati hanno iniziato a studiare un possibile legame tra microbiota intestinale, PI e autismo.

Microbiota intestinale e autismo

Secondo una recensione del 2016, i bambini autistici sviluppano spesso significativi problemi digestivi, come costipazione, diarrea e vomito.

In un piccolo studio del 2017, i ricercatori hanno confrontato campioni di feci di due gruppi di bambini: bambini autistici con sintomi gastrointestinali e quelli senza autismo o sintomi gastrointestinali. I ricercatori hanno identificato quantità significativamente più elevate di batteri Clostridium perfringens in campioni raccolti da bambini autistici con sintomi gastrointestinali.

Permeabilità e autismo intestinali

In una recensione del 2019, i ricercatori hanno confermato un’associazione tra squilibri del microbiota intestinale e autismo.

Uno studio del 2010 ha osservato un aumento della PI nelle persone autistiche e nei loro parenti di primo grado. Tuttavia, uno studio del 2013 non ha riportato differenze significative nel PI dei bambini autistici.

Gli scienziati devono svolgere ulteriori ricerche per stabilire se la PI svolge un ruolo nell’autismo.

Trattamento e miglioramento della salute dell’intestino

Poiché molti medici non ritengono che l’intestino permeabile sia una condizione medica legittima, non esiste un trattamento standard.

Tuttavia, alcuni cambiamenti nella dieta e nello stile di vita possono aiutare le persone a migliorare la propria salute intestinale. Questo, a sua volta, può alleviare i sintomi intestinali che perdono.

I seguenti consigli dietetici possono aiutare a migliorare la salute dell’intestino:

  • mangiare più probiotici per aumentare i batteri intestinali benefici
  • mangiare cibi ricchi di fibre prebiotiche, come verdure e cereali integrali
  • mangiare meno carne, latticini e uova
  • evitando zuccheri aggiunti e dolcificanti artificiali

I seguenti cambiamenti nello stile di vita possono migliorare la digestione e sostenere un intestino sano:

  • esercitarsi regolarmente
  • dormire a sufficienza ogni notte
  • ridurre lo stress
  • evitando l’uso non necessario di antibiotici
  • Smettere di fumare

Sommario

LGS crea delle lacune nelle pareti intestinali che permettono ai batteri nocivi e alle sostanze tossiche di sfuggire nel flusso sanguigno.

I ricercatori hanno trovato prove significative a sostegno dell’esistenza dell’intestino che perde. La ricerca indica anche che l’intestino che perde può contribuire a una serie di condizioni di salute.

Tuttavia, gli scienziati devono ancora scoprire come l’intestino permeabile contribuisce direttamente alla progressione di queste malattie.

Questo post è stato utile per te?

+0

Ti potrebbe interessare

Menu