Pediatria / Salute dei bambini

Cosa sapere sulla congestione nei bambini

La congestione è comune nei bambini. La congestione del bambino è solitamente innocua, ma a volte può essere scomoda, causando un naso chiuso e una respirazione rumorosa o rapida.

I bambini possono sperimentare congestione nel naso (chiamata congestione nasale), o può sembrare che la congestione sia nel loro petto. I sintomi differiscono a seconda di dove si verifica la congestione.

La congestione nasale è più probabile, e se il bambino è felice e si nutre normalmente, questo è normale e il bambino sta probabilmente bene.

Tuttavia, gli operatori sanitari possono contribuire ad alleviare la congestione del bambino utilizzando una lampadina di aspirazione in gomma per rimuovere il muco in eccesso. Altri rimedi casalinghi, come l’uso di un umidificatore e la somministrazione di gocce saline nasali, possono anche aiutare ad alleviare il disagio del bambino.

Questo articolo fornisce una panoramica della congestione del bambino. Guardiamo le sue cause, i sintomi e i trattamenti e discutiamo quando vedere un medico.

Le cause

I bambini possono essere congestionati quando respirano fumo di sigaretta, sostanze inquinanti, virus e altre sostanze irritanti. I loro corpi producono muco extra nel naso e nelle vie respiratorie per intrappolare e rimuovere queste sostanze irritanti.

L’esposizione all’aria secca e ad altre condizioni meteorologiche può anche innescare la produzione eccessiva di muco e la congestione.

I bambini hanno più probabilità rispetto ai bambini più grandi di ottenere congestione perché i loro passaggi nasali e le loro vie aeree sono piccole e non ancora mature.

Possibili cause di congestione nasale includono:

  • respirando aria secca
  • cambiamenti di tempo
  • infezioni virali, come un raffreddore
  • respirando gli inquinanti atmosferici
  • un setto deviato
  • allergie

La congestione che si sviluppa più in profondità nel petto del bambino può avere una causa più grave, come ad esempio:

  • asma
  • influenza
  • polmonite
  • fibrosi cistica
  • bronchiolite, che di solito provoca il virus respiratorio sinciziale (RSV)
  • tachipnea transitoria, che tipicamente si verifica solo nel primo giorno o due dopo la nascita

I bambini prematuri possono sperimentare più congestione dei bambini a termine.

Sintomi

I sintomi della congestione del bambino possono variare in base alla posizione della congestione. Può essere difficile dire dove si trova la congestione, poiché i bambini sono piccoli e le loro vie aeree non sono molto distanti.

Se il bambino ha un naso che cola o un muco nel naso, potrebbero avere una congestione nasale. La congestione nasale è la più comune. Un bambino può sembrare congestionato dal naso, come respirare aria secca, senza essere ammalato.

La vera “congestione del torace”, quando c’è fluido nelle vie aeree dei polmoni, è meno comune. Tende a svilupparsi solo quando c’è una malattia. Un bambino che suona congestionato ma è comunque in buona salute – come apparire felice, mangiare e dormire normalmente e non avere la febbre – è probabile che stia bene.

Quando un bambino ha il naso congestionato, i badanti possono notare i seguenti sintomi:

  • respirazione rumorosa o più evidente
  • russare quando dorme
  • lieve difficoltà durante l’alimentazione
  • un naso chiuso
  • tosse
  • un naso che cola
  • tirando su col naso

Quando un bambino ha la congestione nel petto, i sintomi possono includere:

  • respiro affannoso quando si respira
  • respiro affannoso
  • tosse
  • difficoltà di alimentazione

Rimedi casalinghi

I rimedi casalinghi per la congestione del bambino si concentrano sulla fornitura di cure e comfort. Se la malattia è la causa della congestione, i caregiver possono aiutare a gestire i sintomi della congestione mentre aspettano che la malattia passi.

Possono spesso alleviare la congestione nasale usando una lampadina di aspirazione o una siringa nasale. Si tratta di lampadine in gomma morbida che possono aspirare il muco dal naso.

Le persone possono trovare lampadine di aspirazione nei negozi di droga o scegliere tra diversi marchi online.

I passaggi che un caregiver può fare per aiutare il loro bambino a sentirsi meglio includono quanto segue:

  • Fornire bagni caldi, che possono aiutare a eliminare la congestione e offrire una distrazione.
  • Continuate alimentazioni regolari e monitorate i pannolini bagnati.
  • Aggiungi una o due gocce di soluzione salina alla loro narice usando una piccola siringa.
  • Fornire vapore o nebbia fredda, ad esempio da un umidificatore o facendo una doccia calda.
  • Massaggiare delicatamente il ponte nasale, la fronte, i templi e gli zigomi.
  • Rimuovere potenziali allergeni o inquinanti dall’aria domestica aspirando i peli di animali domestici, non bruciando candele e non fumando.
  • Utilizzare un’aspirazione delicata per aiutare a pulire il passaggio nasale, in particolare prima dell’alimentazione.
  • Pulire il muco in eccesso con un panno o un panno morbido e asciutto.

I caregiver non dovrebbero usare sfregamenti di vapore sui bambini. Alcuni ricercatori, che hanno testato la loro ipotesi sui furetti, ritengono che i vapori del vapore possano essere dannosi per i bambini piccoli.

Un caregiver non dovrebbe mai mai dare un bambino freddo o farmaci antinfluenzali. Se la congestione è grave o ci sono altri sintomi di preoccupazione, dovrebbero fissare un appuntamento medico per il bambino.

Quando vedere un dottore

La maggior parte dei casi di congestione nei bambini sono minori e dovrebbero risolversi entro pochi giorni. Le persone potrebbero voler parlare con il medico del bambino se la congestione è grave o dura a lungo, soprattutto se sono preoccupati per la capacità del bambino di respirare.

Parlate con il medico del bambino o portatelo immediatamente al pronto soccorso per i segni di problemi respiratori come:

  • una frequenza respiratoria di oltre 60 respiri al minuto che interferisce con l’alimentazione o il sonno; i bambini respirano naturalmente più velocemente dei bambini più grandi, di solito a una frequenza di 40 respiri al minuto o 20-40 respiri durante il sonno
  • respirazione rapida o difficile che rende difficile l’alimentazione
  • narici infiammate, segno che il bambino sta lottando per prendere aria
  • retrazioni, che si verificano quando le costole del bambino succhiano ogni respiro
  • gemendo o grugnendo dopo ogni respiro
  • una tinta blu per la pelle, soprattutto intorno alle labbra o alle narici

Se il bambino non bagna i pannolini, inizia a vomitare o ha la febbre, chiama un pediatra. Parla loro di cosa fare se questo si verifica dopo ore, il che può includere portare il bambino al pronto soccorso o un centro di assistenza urgente.

I caregiver non dovrebbero esitare a chiamare il pediatra del loro bambino se sono preoccupati.

Diagnosi

Per determinare la causa della loro congestione, un pediatra dovrà esaminare il bambino e porre domande al caregiver su eventuali altri sintomi insoliti.

Parte dell’esame comporterà il rilevamento della temperatura del bambino e di altri segni vitali, oltre all’osservazione della respirazione.

Se il pediatra non è sicuro della causa, può ordinare una radiografia del torace. Possono anche verificare infezioni come RSV o influenza.

Sommario

La congestione da lieve a moderata è comune nei bambini e dovrebbe durare solo pochi giorni.

Se un caregiver è preoccupato per la capacità del bambino di respirare o se il bambino ha meno di 3 mesi e ha la febbre, dovrebbe cercare aiuto medico il prima possibile.

Se la congestione interferisce con la capacità del bambino di nutrirsi o dormire, o se il bambino ha più di 3 mesi e ha la febbre, dovrebbe parlare con il pediatra del bambino.

Un operatore sanitario sarà in grado di diagnosticare il problema e fornire ulteriore assistenza se i sintomi non migliorano.

Questo post è stato utile per te?

+0

Ti potrebbe interessare

Menu