Neurologia

Cosa sapere sull'ipossia cerebrale

L'ipossia cerebrale è una forma di ipossia o carenza di ossigeno che colpisce il cervello. Si verifica quando il cervello non riceve abbastanza ossigeno anche se il sangue scorre ancora. Quando l'apporto di ossigeno è completamente interrotto, si parla di anossia cerebrale.

L'ipossia cerebrale è un'emergenza medica perché il cervello ha bisogno di un apporto costante di ossigeno e sostanze nutritive per funzionare correttamente.

Ci sono diverse cause di ipossia cerebrale. Includono annegamento, soffocamento, arresto cardiaco e ictus. I sintomi lievi includono perdita di memoria e problemi con la funzione motoria, come il movimento. Casi gravi possono causare convulsioni e morte cerebrale.

Continuate a leggere per saperne di più sull'ipossia cerebrale, nota anche come ipossia cerebrale.

Sintomi

I sintomi di una mancanza di ossigeno al cervello, o ipossia cerebrale, possono essere lievi o gravi e dipendono dal livello e dalla durata della privazione dell'ossigeno.

Lievi sintomi di ipossia cerebrale includono:

  • perdita temporanea di memoria
  • problemi di spostamento di parti del corpo
  • disattenzione
  • Scarso giudizio

Le cellule cerebrali possono iniziare a morire dopo soli 5 minuti di perdita di ossigeno. I sintomi diventano più pericolosi, più il flusso di ossigeno al cervello viene interrotto.

Gravi sintomi di ipossia cerebrale includono:

  • coma
  • sequestro
  • morte cerebrale

In caso di morte cerebrale, non c'è attività cerebrale. Le pupille degli occhi non rispondono alla luce e le persone non possono respirare senza l'aiuto di una macchina di supporto vitale. Tuttavia, il cuore continua a pompare il sangue attorno al corpo.

Cause di ipossia cerebrale

Ci sono molte ragioni per cui qualcuno potrebbe sperimentare l'ipossia cerebrale.

Alcune condizioni mediche e situazioni che riducono l'apporto di ossigeno al cervello includono:

  • sclerosi laterale amiotrofica (SLA) e altre malattie che paralizzano i muscoli respiratori
  • danno cerebrale
  • avvelenamento da monossido di carbonio
  • arresto cardiaco
  • soffocamento
  • complicazioni derivanti dall'anestesia
  • annegamento
  • overdose di droga
  • alte quote
  • battito cardiaco irregolare
  • malattie polmonari, come la broncopneumopatia cronica ostruttiva o la BPCO
  • infezioni polmonari, compresa la polmonite
  • arresto respiratorio
  • grave attacco d'asma
  • inalare il fumo, ad esempio, in un incendio domestico
  • strangolamento
  • ictus
  • soffocamento
  • trauma alla trachea o ai polmoni
  • trauma che causa la perdita di sangue
  • pressione sanguigna molto bassa, anche chiamata ipotensione

Fattori di rischio

L'ipossia cerebrale può colpire chiunque soffra di carenza o mancanza di ossigeno al cervello, ma alcune persone sono a rischio più elevato di altre.

I fattori di rischio per l'ipossia cerebrale includono:

Fare sport specifici

Gli appassionati di sport possono essere a più alto rischio se si impegnano in attività che presentano un rischio maggiore rispetto ad altri di provocare lesioni alla testa o traumi alla trachea.

Coloro che devono trattenere il respiro per lunghi periodi o viaggiare ad alta quota sono anche a maggior rischio.

Esempi di attività rischiose includono:

  • boxe
  • immersione
  • calcio
  • alpinismo
  • nuoto

Avere determinate condizioni mediche

Molte condizioni mediche hanno il potenziale per influenzare il flusso di ossigeno al cervello. Esempi di tali condizioni includono:

  • ALS
  • asma
  • problemi di cuore
  • ipotensione
  • malattie polmonari
  • malattie muscolari

Lavorare in alcune professioni

Le persone che subiscono un'esposizione a fumo intenso o monossido di carbonio attraverso il loro lavoro, come i vigili del fuoco, possono essere maggiormente a rischio di ipossia cerebrale.

Diagnosi

Un medico di solito diagnostica l'ipossia cerebrale in base alla storia medica di una persona, ad un esame fisico e ad altri test.

Durante la storia medica e l'esame obiettivo, il medico chiederà i sintomi attuali e le attività recenti di qualcuno.

Il medico può richiedere test per confermare l'ipossia e scoprire la causa. Questi test includono:

  • angiogramma del cervello
  • esami del sangue per verificare i livelli di ossigeno nel sangue
  • TAC della testa
  • radiografia del torace per vedere i polmoni
  • ecocardiogramma, per vedere il cuore
  • elettrocardiogramma (ECG) per misurare l'attività elettrica del cuore
  • elettroencefalogramma (EEG) per misurare l'attività elettrica del cervello e comprendere la causa delle convulsioni
  • Scansione MRI della testa

Trattamento

L'ipossia cerebrale è un'emergenza medica che richiede un trattamento immediato. È vitale che il normale apporto di ossigeno al cervello riprenda rapidamente per prevenire complicazioni o morte cerebrale.

Il trattamento varia a seconda della causa e della gravità dell'ipossia. I sistemi di supporto vitale di base sono spesso necessari. Le persone con grave ipossia possono aver bisogno di una macchina nota come un ventilatore per respirare per loro.

Altri trattamenti includono:

  • sangue, fluidi e farmaci per ripristinare la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca
  • farmaci per il controllo delle crisi

In alcuni casi, un medico può raffreddare la persona per rallentare la sua attività cerebrale e ridurre il suo bisogno di ossigeno. Tuttavia, non è chiaro quanto sia utile questo trattamento.

Recupero e prospettive

Per quanto tempo una persona ha sperimentato la privazione di ossigeno determinerà la sua prospettiva e il recupero dall'ipossia cerebrale.

È difficile prevedere quanto rapidamente una persona si riprenderà, ma alcuni fattori possono aiutare a prevedere il risultato.

Avere bassi livelli di ossigeno cerebrale per diverse ore può suggerire una ripresa più scarsa. Inoltre, la ricerca suggerisce che lo stato funzionale di una persona al ricovero in ospedale indica fortemente le prospettive di recupero.

Secondo la famiglia Caregiver Alliance, in caso di lesioni cerebrali ipossiche o anossiche, altri fattori che predicono l'esito includono:

  • Lunghezza del coma. Più a lungo una persona rimane in coma, più povero è il risultato. Possono avere un ridotto rischio di danni se il coma dura meno di 12 ore. Tuttavia, ogni caso è diverso.
  • Movimento degli occhi. Se entrambi gli occhi hanno pupille fisse o dilatate, suggerisce un danno al tronco cerebrale, che indica una prospettiva peggiore.
  • Età. Le persone con meno di 25 anni possono recuperare meglio degli anziani.
  • Risultati dei test diagnostici. Questi spesso danno una buona indicazione di recupero. Ad esempio, i test EEG che mostrano che l'attività cerebrale può suggerire una prospettiva migliore.

Durante il recupero dall'ipossia cerebrale, le persone possono sperimentare diverse sfide. Questi in genere si risolvono nel tempo. Loro includono:

  • amnesia
  • allucinazioni
  • insonnia
  • perdita di memoria
  • cambiamenti di umore
  • spasmi muscolari e contrazioni
  • cambiamenti di personalità
  • convulsioni
  • problemi di visione

Le complicazioni includono uno stato vegetativo prolungato, in cui una persona ha funzioni di base ma non è sveglia o vigile. Queste persone possono sviluppare condizioni come:

  • piaghe da decubito
  • trombosi venosa profonda
  • polmonite

Alla fine, l'ipossia cerebrale può essere fatale.

Prevenzione

Può essere difficile evitare tutti i casi di ipossia cerebrale. Ad esempio, è difficile prevenire una lesione cerebrale ricevuta durante una collisione inaspettata dell'automobile.

Per avere la migliore possibilità di prevenire l'ipossia, le persone dovrebbero monitorare le condizioni di salute ed evitare le altitudini elevate. Le persone dovrebbero indossare un equipaggiamento protettivo adeguato, come i caschi, quando praticano sport con alto rischio di trauma cranico.

Se una persona riceve una rianimazione cardiopolmonare (CPR) dopo un incendio o un trauma cranico, potrebbe essere meno probabile che abbia l'ipossia cerebrale o che sia meno grave. CPR può salvare vite umane, soprattutto se effettuata immediatamente.

Porta via

L'ipossia cerebrale è un'emergenza medica. Se qualcuno mostra i sintomi dell'ipossia cerebrale o se sta perdendo conoscenza, chiama immediatamente i servizi di emergenza.

Le persone hanno le migliori possibilità di recupero se ricevono subito cure mediche. Il pronto intervento medico riduce la quantità di tempo in cui il flusso di ossigeno al cervello è limitato.

Questo post è stato utile per te?

+0

Ti potrebbe interessare

Menu