Salute delle donne / Ginecologia

Cosa può causare prurito al clitoride?

Il lieve prurito del clitoride può verificarsi a causa di un aumento della sensibilità da eccitazione o stimolazione sessuale. Il prurito persistente che si manifesta al di fuori dell’attività sessuale o che non scompare può segnalare un’infezione o condizioni di salute.

Il clitoride è una piccola parte rotonda dell’anatomia femminile che si trova sopra l’apertura della vagina. È molto sensibile e ha molte terminazioni nervose, quindi il prurito qui può essere particolarmente fastidioso.

In questo articolo, esaminiamo le possibili cause del prurito sul o intorno al clitoride e le opzioni di trattamento.

Irritazione

Il clitoride è molto sensibile e contiene molte terminazioni nervose. Quando qualcosa irrita questa zona del corpo, può avvertire prurito.

Gli irritanti potrebbero includere un certo materiale che la biancheria intima comprende, ad esempio, un tessuto graffiante.

In alternativa, potrebbe essere un nuovo detersivo per bucato o sapone. Una persona può provare a cambiare questi prodotti per vedere se questo risolve il problema.

Eccitazione sessuale

Durante l’eccitazione sessuale, il flusso di sangue al clitoride aumenta e questo organo si gonfia, il che lo rende più suscettibile all’irritazione.

A volte, una persona può provare prurito temporaneo prima, durante o dopo l’eccitazione sessuale. Questo prurito di solito scompare da solo e non è motivo di preoccupazione. Tuttavia, una persona dovrebbe cercare altri segni e sintomi per assicurarsi che il prurito non sia dovuto a un’infezione.

Vaginosi batterica

Se i livelli di batteri nella vagina diventano sbilanciati, ciò può causare un’infezione chiamata vaginosi batterica. I medici non conoscono la causa esatta della vaginosi batterica, ma i seguenti fattori possono aumentare il rischio di una persona di contrarre l’infezione:

  • fare sesso, in particolare con un nuovo partner
  • avere più partner sessuali
  • irrigazione vaginale

La vaginosi batterica può causare prurito al clitoride e all’area intorno alla vagina. Altri sintomi comuni includono:

  • una sensazione di bruciore durante la minzione
  • dolore o sensazione di bruciore nella vagina
  • scarico vaginale grigio o bianco
  • un odore di pesce, in particolare dopo il sesso

Chiunque pensi di poter avere una vaginosi batterica dovrebbe consultare il proprio medico per una diagnosi e un trattamento.

Tordo

Un’infezione da lievito vaginale, che le persone di solito chiamano mughetto, può rendere molto pruriginoso il clitoride e altre parti della vulva. Altri sintomi di un’infezione vaginale da lievito colpiscono la vagina e la vulva e possono includere:

  • una sensazione di bruciore
  • arrossamento e gonfiore
  • minzione dolorosa
  • sesso doloroso
  • indolenzimento
  • scarico vaginale denso e bianco che ricorda la ricotta ma non ha un cattivo odore

Una crescita eccessiva di lievito chiamata Candida provoca queste infezioni. Le persone che pensano di avere un’infezione da lievito vaginale dovrebbero consultare il proprio medico per ricevere un trattamento ed escludere qualsiasi altra infezione.

Le persone possono essere maggiormente a rischio di contrarre un’infezione da lievito vaginale se:

  • ha diabete o glicemia alta
  • sono incinta
  • usare il controllo delle nascite che aumenta i livelli di estrogeni
  • lavare o usare spray chimici o lavaggi nella loro vagina
  • recentemente ho preso alcuni antibiotici
  • ha un sistema immunitario indebolito

Lichen sclerosus

Il lichen sclerosus è una malattia cutanea non contagiosa che colpisce i genitali. Può anche coinvolgere la pelle intorno al seno, alla parte superiore del corpo e alla parte superiore delle braccia.

Sebbene la causa del lichen sclerosus sia sconosciuta, gli esperti ritengono che potrebbe verificarsi a causa di:

  • cambiamenti negli ormoni
  • genetica
  • danni alla pelle in seguito a lesioni
  • avere un sistema immunitario iperattivo

Il lichen sclerosus colpisce le femmine più spesso dei maschi ed è raro nei bambini. Di solito si verifica dopo la menopausa.

Insieme al prurito, nella zona interessata possono comparire altri sintomi di lichen sclerosus. Questi possono includere:

  • vesciche
  • cicatrici della pelle
  • emorragia
  • piccole macchie bianche che possono diventare più grandi
  • macchie di pelle sottile e rugosa
  • pelle che si strappa o si ammacca facilmente

Una persona dovrebbe consultare il proprio medico se pensano di avere il lichen sclerosus. Il medico può ispezionare la pelle usando un microscopio per diagnosticare la condizione.

La cicatrizzazione della pelle da lichen sclerosus può aumentare il rischio di cancro. Le persone con lichen sclerosus dovrebbero consultare il proprio medico ogni 6-12 mesi per verificare che qualsiasi cambiamento della pelle sia benigno.

Disturbo dell’eccitazione genitale persistente

Il disturbo di eccitazione genitale persistente (PGAD) è una sensazione di eccitazione sessuale di lunga durata senza alcuna stimolazione sessuale. È molto più comune tra le femmine rispetto ai maschi.

I sintomi di PGAD influenzano l’area genitale e possono includere:

  • pizzicore
  • una sensazione di bruciore
  • pulsazione
  • formicolio
  • aumento della pressione nei genitali
  • dolore
  • lubrificazione
  • contrazioni nella vagina
  • orgasmi

La durata dei sintomi può variare da alcune ore a diverse settimane o addirittura mesi.

Sebbene la causa della PGAD rimanga sconosciuta, lo stress e l’ansia possono svolgere un ruolo nella condizione. Alcune attività, come essere in auto o urinare, possono anche innescare sintomi.

Le persone con PGAD possono avere maggiori probabilità di avere altre condizioni di salute, come epilessia, sindrome di Tourette o sindrome delle gambe senza riposo.

Eczema genitale

I sintomi dell’eczema genitale possono influenzare la vulva, così come la pelle intorno all’ano e ai glutei.

Le persone possono sperimentare:

  • pizzicore
  • un’eruzione cutanea rossa o macchie doloranti sulla pelle
  • sottili crepe nella pelle
  • pelle piangente, croccante o secca
  • una sensazione di bruciore o bruciore

Una reazione allergica a indumenti, prodotti da bagno o farmaci può causare eczema genitale.

Infezione a trasmissione sessuale

Il prurito del clitoride e dell’area genitale può indicare un’infezione a trasmissione sessuale (STI).

Altri sintomi comuni di IST possono includere:

  • minzione dolorosa
  • frequente bisogno di urinare
  • insolito scarico vaginale o odore
  • arrossamento intorno ai genitali
  • mal di stomaco
  • sanguinamento anale
  • piaghe intorno alla bocca
  • verruche intorno ai genitali

È meglio consultare un medico su uno di questi sintomi per scoprire cosa li sta causando e ricevere un trattamento se necessario.

Ulteriori informazioni su come identificare le IST qui.

Cancro vulvare

Il prurito del clitoride a volte può essere un sintomo del cancro vulvare. Altri sintomi dipendono dal tipo di tumore vulvare, ma possono includere:

  • un’area della pelle sulla vulva che sembra diversa dalle aree circostanti – ad esempio, appare più chiara, più scura o più spessa
  • pelle che sembra rossa o rosa rispetto alle aree circostanti
  • una sensazione dolorosa o bruciante
  • insolito sanguinamento o secrezione vaginale
  • una ferita aperta che non scompare
  • un nodulo o una protuberanza sulla vulva
  • un cambiamento in una talpa nell’area genitale

Le persone dovrebbero consultare il proprio medico se notano uno di questi segni. Il medico effettuerà un esame pelvico per verificare eventuali anomalie.

Trattamenti e sollievo

Le opzioni di trattamento per un clitoride pruriginoso dipenderanno dalla causa sottostante del prurito.

Se un’infezione da lievito vaginale sta causando questo sintomo, un medico può fornire medicinali antifungini per curare l’infezione. Di solito consiglieranno l’uso di antibiotici per trattare la vaginosi batterica e le creme steroide topiche per trattare l’eczema.

Un medico può prescrivere una crema o unguento per trattare il lichen sclerosus. Questo trattamento topico dovrebbe lenire la sensazione di prurito e trattare la condizione.

Le persone possono essere in grado di trovare sollievo da PGAD seguendo la guida del proprio medico, che può raccomandare:

  • creme per uso topico che intorpidiscono i genitali
  • esercizi per il pavimento pelvico
  • antidepressivi
  • farmaci antiepilettici
  • terapia elettroconvulsiva (ECT), che fornisce una breve stimolazione elettrica al cervello
  • intervento chirurgico, se è probabile che problemi con i nervi contribuiscano alla condizione

Le persone possono trovare sollievo dal prurito indossando biancheria intima e abiti larghi di cotone. Applicare un impacco freddo o impacco di ghiaccio sulla zona interessata ed evitare l’uso di prodotti da bagno chimici può anche alleviare l’irritazione e prevenire ulteriori sintomi.

È particolarmente importante per chiunque sia incinta vedere il proprio medico e scoprire la causa sottostante di un clitoride pruriginoso. Ricevere un controllo e qualsiasi trattamento necessario per le infezioni può aiutare a prevenire possibili complicazioni con il parto.

Sommario

Il prurito occasionale del clitoride può essere normale, ma una persona dovrebbe consultare il medico se ha prurito persistente del clitoride. Un medico sarà in grado di eseguire un esame pelvico per determinare la causa sottostante e raccomandare le opzioni di trattamento.

Questo post è stato utile per te?

+0

Ti potrebbe interessare

Menu