Gastrointestinale / Gastroenterologia

Cosa può causare gonfiore anale?

Il gonfiore anale può verificarsi per vari motivi. La maggior parte delle cause di un ano gonfio sono temporanee e innocue, ma alcune richiedono cure mediche.

L’ano è alla fine del retto e il muscolo lo circonda. A seconda della causa del gonfiore, le persone possono avere ulteriori sintomi, come dolore, prurito, bruciore o sanguinamento intorno all’ano.

In questo articolo, discutiamo delle possibili cause di un ano gonfio e spieghiamo come i medici diagnosticano e trattano queste condizioni.

Ragade anale

Una ragade anale è una piccola lacerazione che si verifica nel rivestimento dell’ano.

I danni al rivestimento dell’ano o l’eccessivo allungamento, possibilmente durante un movimento intestinale, possono causare una ragade anale. Una ragade anale è più comune quando una persona ha un movimento intestinale secco e duro o frequenti feci molli.

Meno comunemente, un’infezione o un tumore possono causare una ragade anale.

Altri sintomi di una ragade anale includono:

  • dolore che accompagna i movimenti intestinali
  • sangue rosso vivo con un movimento intestinale
  • un piccolo nodulo vicino alla fessura anale

Ascesso perianale

Un ascesso perianale è una raccolta di liquido che si raccoglie nelle ghiandole vicino all’ano. Nella maggior parte dei casi, l’ascesso si verifica a seguito di un’infezione.

Una persona potrebbe notare fluido o drenaggio proveniente da un ascesso perianale. Altri sintomi includono febbre, dolore e problemi a urinare.

Emorroidi

Le emorroidi sono una causa comune di gonfiore anale.

Le emorroidi sono vene gonfie che si verificano nell’ano e nel retto inferiore. Possono essere esterni, che compaiono intorno alla pelle dell’ano o interni, il che significa che si presentano nel rivestimento dell’ano o del retto.

Le emorroidi sono più comuni nelle persone anziane e in coloro che seguono diete povere di fibre, si sforzano durante i movimenti intestinali e hanno costipazione cronica. È anche più probabile che si verifichino durante la gravidanza.

Altri sintomi includono:

  • prurito anale
  • sanguinamento rettale
  • dolore
  • un nodulo palpabile vicino all’ano

Anusitis

L’anusite è un disturbo che coinvolge l’infiammazione del canale anale. Le persone spesso confondono l’anusite per le emorroidi.

La malattia infiammatoria intestinale, le infezioni e la diarrea cronica possono causare anusite. Tuttavia, la causa più comune è una dieta che contiene molti alimenti acidi o piccanti, come caffè, agrumi e spezie.

Altri sintomi di anusite includono:

  • sanguinamento con un movimento intestinale
  • dolore con un movimento intestinale
  • prurito anale

Fistola anale

Una fistola anale è una grande lacrima o tunnel che si sviluppa sotto la pelle e collega la fine dell’intestino all’ano o all’ascesso.

Secondo l’American Society of Colon and Rectal Surgeons, si verificherà una fistola anale in circa il 50% delle persone con un ascesso.

Le persone con una fistola anale potrebbero sperimentare:

  • dolore
  • drenaggio fluido dalla pelle
  • sanguinamento rettale

Morbo di Perianal Crohn

La malattia di Crohn è un tipo di malattia infiammatoria intestinale che provoca infiammazione in qualsiasi parte del tratto gastrointestinale, compreso l’ano.

La malattia di Perianal Crohn indica una malattia più grave e può essere difficile da gestire.

I sintomi includono:

  • gonfiore perianale
  • febbre
  • incontinenza fecale
  • drenaggio dall’ano, dalla vagina o dallo scroto

Cancro anale

I sintomi anali possono talvolta essere dovuti al cancro anale, sebbene questa malattia sia piuttosto rara.

Il cancro anale è meno comune del cancro del colon o del cancro del retto. L’American Cancer Society stima che ci saranno circa 8.300 nuovi casi di cancro anale nel 2019 negli Stati Uniti.

I sintomi possono essere simili a quelli di altri disturbi anali e includono:

  • sanguinamento anale
  • prurito anale
  • dolore
  • una sensazione di pienezza nell’area rettale
  • scarico anormale
  • cambiamenti nei movimenti intestinali

Sesso anale

L’attrito da attività sessuale che coinvolge l’ano può irritare i tessuti sensibili circostanti, causando gonfiore, piccole lacrime o sanguinamento.

Il sesso anale è per lo più sicuro, ma poiché esiste il rischio di infezioni batteriche, le persone dovrebbero considerare i rischi. Scopri come praticare il sesso anale in sicurezza qui.

Diagnosi

Un medico in genere inizierà la valutazione diagnostica eseguendo un’anamnesi approfondita ed effettuando un esame fisico.

A volte, un medico può diagnosticare un disturbo anale durante l’ispezione visiva o con un esame digitale, che comporta l’inserimento di un dito guantato nel canale anale.

Tuttavia, esamineranno i problemi interni utilizzando altri test, che potrebbero includere:

  • anoscopy. Un anoscopio è un tubo illuminato che un medico utilizza per esaminare il retto inferiore e il rivestimento anale.
  • Sigmoidoscopia flessibile. Un medico eseguirà la sigmoidoscopia flessibile usando un tubo flessibile con una luce e una telecamera all’estremità per guardare all’interno del retto e del colon inferiore.
  • Colonscopia. Una colonscopia coinvolge anche un tubo lungo e flessibile con una luce e una telecamera. Questo tubo si chiama colonscopio e i medici lo usano per visualizzare il retto e l’intestino crasso, di solito per lo screening del carcinoma del colon-retto.

trattamenti

La causa sottostante di un ano gonfio determinerà il trattamento.

Ragade anale

Le opzioni di trattamento a casa per una ragade anale includono:

  • avendo bagni caldi o bagni sitz, soprattutto dopo un movimento intestinale
  • adottare una dieta ricca di fibre o assumere integratori di fibre
  • usando ammorbidenti per le feci
  • bere più acqua
  • applicare farmaci topici per alleviare il dolore

Le ragadi anali croniche potrebbero richiedere una riparazione chirurgica.

A volte, le iniezioni di tossina botulinica (Botox) nello sfintere anale aiutano a guarire le ragadi anali croniche.

Ascesso perianale

Gli ascessi perianali richiedono spesso un drenaggio chirurgico, in particolare nelle persone con sistema immunitario indebolito e in quelli con diabete. Dopo il drenaggio chirurgico, la ferita può richiedere 3-4 settimane per guarire.

Emorroidi

I trattamenti per le emorroidi includono:

  • una dieta ricca di fibre
  • ammorbidenti per le feci o integratori di fibre
  • bere più acqua
  • bagni caldi o bagni sitz più volte al giorno
  • non sforzarsi durante un movimento intestinale ed evitare di stare seduti sul water troppo a lungo

Le emorroidi prolassate o interne possono richiedere un trattamento medico, comprese procedure laser o interventi chirurgici.

Anusitis

Il tipo di trattamento per l’anusite dipenderà dalla causa sottostante. Se la causa è una malattia infiammatoria intestinale o un’infezione, una persona avrà bisogno di cure mediche.

Altri trattamenti includono:

  • cambiamenti nella dieta, incluso il consumo di cibi più ricchi di fibre
  • gestione dello stress
  • applicando ghiaccio o impacchi freddi

Fistola anale

La chirurgia è quasi sempre necessaria per trattare una fistola anale.

Morbo di Perianal Crohn

Il trattamento della malattia di Crohn perianale è spesso multifattoriale e può includere:

  • antibiotici
  • farmaci per immunosoppressione
  • farmaci biologici
  • chirurgia

Cancro anale

Nel decidere come trattare il cancro anale, i medici prenderanno in considerazione diversi fattori, tra cui il tipo di tumore e quanto lontano si è diffuso nel corpo. Terranno conto anche dell’età e della salute generale di una persona.

Un piano di trattamento per il cancro anale potrebbe consistere in una combinazione di chemioterapia, radioterapia e chirurgia.

Sommario

L’ano gonfio può essere molto scomodo, ma nella maggior parte dei casi le cause sono temporanee e non comportano rischi a lungo termine.

I rimedi casalinghi per il gonfiore anale includono bagni caldi, una dieta ricca di fibre, idratazione e farmaci topici.

Una persona dovrebbe contattare il proprio medico se si verificano sintomi persistenti, come dolore, sanguinamento o cambiamenti nelle abitudini intestinali.

Questo post è stato utile per te?

+0

Ti potrebbe interessare

Menu