Orecchio, naso e gola

Cosa fare per l'alitosi

L’alitosi è un problema comune e ci sono molte cause diverse. I possibili rimedi includono acqua, tè verde e risciacqui a base di erbe.

L’alitosi persistente o l’alitosi è generalmente dovuta a batteri nella bocca. Questi batteri producono gas che possono causare un odore. L’odore si verifica quando i batteri scompongono zuccheri e amidi negli alimenti che le persone mangiano.

A volte, l’alitosi può segnalare qualcosa di più grave, come la malattia gengivale o la carie. È importante che le persone facciano regolari controlli dentali in modo che un dentista possa trattare questi problemi in anticipo.

L’alitosi potrebbe anche segnalare un problema di salute di base in altre parti del corpo.

Questo articolo delinea otto rimedi domestici naturali per l’alitosi. Forniamo anche suggerimenti su quando consultare un medico.

acqua

La secchezza delle fauci è una condizione che può causare alitosi e altri problemi di salute orale.

La secchezza delle fauci si verifica quando le ghiandole salivari all’interno della bocca non producono abbastanza saliva per sciacquare i detriti alimentari dalla bocca. Questo aiuta a controllare i livelli di batteri orali.

Molti fattori diversi possono causare secchezza delle fauci. La causa più comune è la disidratazione. I farmaci e la dieta possono anche influenzare l’umidità in bocca.

Non ci sono raccomandazioni rigide per l’assunzione giornaliera di acqua. Tuttavia, la Food and Nutrition Board degli Stati Uniti suggerisce 2,7 litri (l) al giorno per le femmine e 3,7 l al giorno per i maschi. Queste quantità includono acqua da cibi e bevande.

Tè verde

Il tè verde è un tè ricco di antiossidanti a base di foglie della pianta Camellia sinensis.

L’antiossidante più abbondante nel tè verde è l’Epigallocatechin-3-gallate (EGCG). La ricerca suggerisce che l’EGCG può avere molti effetti benefici sulla salute.

Uno studio di laboratorio del 2013 ha studiato l’effetto dell’EGCG sui tessuti gengivali umani. Lo studio ha dimostrato che l’EGCG innesca le cellule delle gengive per rilasciare una sostanza chimica antimicrobica. Questa sostanza chimica prende di mira il Porphyromonas gingivalis (P.gingivalis), che è un tipo di batterio che contribuisce alla malattia gengivale e all’alitosi.

Un altro tipo di batteri che contribuisce all’alitosi è Solobacterium moorei (S. moorei). Uno studio di laboratorio del 2015 ha studiato l’effetto dell’estratto di tè verde e dell’EGCG sulle culture di S. moorei.

Sia l’estratto di tè verde che l’EGCG hanno ridotto la crescita delle colture di S. moorei, sebbene l’estratto di tè verde abbia mostrato i maggiori effetti. Ciò suggerisce che anche altre sostanze chimiche all’interno del tè verde possono avere proprietà antibatteriche.

Entrambi i trattamenti hanno anche ridotto la capacità di S. moorei di produrre sostanze chimiche che causano l’alitosi.

Sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se i risultati di questi studi di laboratorio si applicano all’ambiente orale umano.

Risciacqui alle erbe

La placca dentale e l’infiammazione delle gengive o la gengivite sono cause comuni di alitosi.

Uno studio del 2014 ha studiato gli effetti di un risciacquo a base di erbe su placca, gengivite e livelli di batteri orali. Il risciacquo conteneva olio dell’albero del tè, chiodi di garofano e basilico, ciascuno con proprietà antimicrobiche e antinfiammatorie.

I ricercatori hanno diviso i 40 partecipanti in due gruppi. Per 21 giorni, un gruppo ha utilizzato un collutorio commerciale, mentre l’altro ha usato il risciacquo con erbe.

I partecipanti che hanno usato entrambi i risciacqui hanno mostrato riduzioni significative della placca e della gengivite. Tuttavia, il risciacquo con erbe ha anche ridotto significativamente i livelli di batteri in bocca, mentre il risciacquo commerciale non lo ha fatto.

Questi risultati suggeriscono che un collutorio contenente olio dell’albero del tè, chiodi di garofano e basilico, può aiutare a migliorare la salute orale, riducendo così l’alitosi.

Risciacquo con olio dell’albero del tè

Alcuni batteri all’interno della bocca espellono sostanze chimiche chiamate composti solforati di zolfo (VSC). Queste sostanze chimiche si trasformano rapidamente in gas responsabili dell’alitosi.

Uno studio del 2016 suggerisce che l’olio dell’albero del tè può essere efficace nel ridurre i livelli di batteri che producono VSC.

Per questo studio, i ricercatori hanno isolato colture batteriche di P. gingivalis e Porphyromonas endodontalis, in laboratorio. Hanno quindi trattato le colture con olio dell’albero del tè o clorexidina. La clorexidina è un antimicrobico standard comune nel collutorio.

Gli effetti dell’olio dell’albero del tè erano simili a quelli della clorexidina. Ciascuno ha ridotto la crescita di entrambi i ceppi batterici e ha ridotto la produzione di VCS.

I risultati di questo studio di laboratorio sono promettenti. Tuttavia, studi futuri dovranno testare gli effetti dell’olio dell’albero del tè nell’ambiente orale umano.

Vale la pena notare che l’olio dell’albero del tè produce meno effetti collaterali della clorexidina. Alcune persone potrebbero preferire provare l’olio dell’albero del tè come alternativa naturale.

Per risciacquare l’olio dell’albero del tè, diluire una goccia di olio dell’albero del tè in alcune gocce di olio vegetale e metterlo in una tazza di acqua calda. Fai scorrere la soluzione in bocca per 30 secondi, quindi sputa fino a quando non avrai usato l’intera tazza d’acqua. Evitare di ingerire l’olio dell’albero del tè in quanto può essere tossico se una persona lo ingerisce.

Olio di cannella

Uno studio di laboratorio del 2017 ha studiato gli effetti dell’olio di cannella sui batteri di S. moorei.

L’olio di cannella ha mostrato potenti effetti antibatterici contro S. moorei. Ha anche ridotto i livelli di acido solfidrico VCS.

I ricercatori hanno anche scoperto che l’olio di cannella non ha causato danni alle cellule gengivali umane.

Hanno concluso che l’aggiunta di olio di cannella ai prodotti per l’igiene orale potrebbe aiutare a controllare l’alitosi. Tuttavia, ulteriori studi che coinvolgono partecipanti umani sono necessari per supportare questa affermazione.

Le persone non dovrebbero mettere olio essenziale di cannella vicino alla pelle senza prima diluirlo in un olio vettore. La cannella è disponibile come olio per uso alimentare e olio essenziale. Le persone non devono ingerire oli essenziali.

Erbe e spezie dall’odore intenso

Alcune spezie contengono oli essenziali aromatici. Questi possono aiutare a mascherare l’odore del respiro dopo aver mangiato aglio e altri cibi pungenti.

Per rinfrescare l’alito dopo i pasti, le persone possono provare a preparare un tè detergente al palato. Per preparare il tè, aggiungi una o più delle seguenti spezie all’acqua calda e lascia in infusione per alcuni minuti:

  • semi di finocchio
  • anice stellato
  • Chiodi di garofano
  • cardamomo
  • cannella
  • zenzero grattugiato

Le persone possono anche provare ad aggiungere una delle seguenti erbe dall’odore forte:

  • menta verde
  • menta piperita
  • prezzemolo
  • coriandolo
  • rosmarino
  • timo

Molte di queste erbe e spezie contengono anche agenti antimicrobici che colpiscono le cause batteriche dell’alitosi.

Yogurt probiotico

I probiotici sono batteri vivi che sono benefici per la salute.

Mangiare cibi che ricoprono la bocca di probiotici potrebbe aiutare a ridurre i livelli di batteri cattivi nella bocca. Questo può aiutare a migliorare il respiro.

Tutto lo yogurt contiene probiotici poiché questi batteri sono necessari per trasformare il latte in yogurt. Tuttavia, lo yogurt probiotico ha livelli più elevati di questi batteri benefici.

Uno studio del 2017 ha confrontato gli effetti dello yogurt probiotico e della gomma da masticare allo xilitolo sulla quantità di batteri Streptococcus mutans (S. mutans) nella saliva. S. mutans contribuisce in modo significativo alla carie e all’alitosi.

Lo studio ha coinvolto 50 partecipanti la cui saliva ha mostrato livelli elevati di S. mutans.

I ricercatori hanno diviso i partecipanti in due gruppi. Un gruppo mangiava 200 grammi di yogurt probiotico al giorno, mentre l’altro gruppo masticava due gomme da masticare allo xilitolo tre volte al giorno dopo i pasti.

I partecipanti di entrambi i gruppi hanno mostrato una riduzione di S. mutans dal primo giorno dell’esperimento. Queste riduzioni erano più alte durante la seconda settimana di trattamento. Non c’era alcuna differenza significativa tra i due gruppi.

Consumare yogurt probiotico può quindi essere efficace nel prevenire la carie e nel trattamento dell’alitosi come la gomma da masticare allo xilitolo.

kefir

Kefir è una bevanda a base di latte fermentato simile allo yogurt probiotico, ma con batteri ancora più probiotici.

Uno studio del 2018 ha studiato gli effetti di diversi tipi di trattamento probiotico sui livelli di batteri nella bocca. Lo studio di 6 settimane ha coinvolto 45 partecipanti.

I ricercatori hanno diviso i partecipanti in tre gruppi:

  • Gruppo Kefir: I partecipanti hanno bevuto 100 millilitri di kefir due volte al giorno.
  • Dentifricio probiotico (PT) gruppo: I partecipanti hanno usato un dentifricio probiotico due volte al giorno.
  • Gruppo di controllo: I partecipanti non hanno ricevuto alcun trattamento.

Il gruppo kefir e il gruppo PT hanno mostrato una significativa riduzione dei batteri S. mutans e dei batteri Lactobacillus quando i ricercatori li hanno confrontati con il gruppo di controllo.

Questi risultati suggeriscono che bere kefir può aiutare a ridurre i livelli di alcuni batteri nocivi in ​​bocca.

Quando vedere un dottore

L’alitosi può essere un segno di carie, malattie gengivali, un effetto collaterale di un farmaco o un problema in altre parti del corpo.

Alcune condizioni che possono causare alitosi includono:

  • infezioni del seno
  • infezioni polmonari croniche
  • problemi digestivi
  • malattie renali
  • malattie del fegato
  • diabete

Le persone dovrebbero consultare un medico se il loro respiro non migliora nonostante provino alcuni dei potenziali rimedi descritti in questo articolo.

Alcune persone possono sperimentare alitosi a causa di un problema di salute orale. Dovrebbero consultare un dentista se i seguenti sintomi accompagnano la loro alitosi:

  • gengive dolorose, gonfie o sanguinanti
  • mal di denti
  • denti sciolti
  • problemi con la dentiera

I suddetti sintomi possono essere segni di malattia gengivale. Questa condizione è reversibile se una persona la tratta nelle sue fasi iniziali. Senza trattamento, la malattia gengivale può portare alla perdita dei denti.

Sommario

L’alitosi è una lamentela comune e ci sono molte cause diverse. La maggior parte dei casi è dovuta alla presenza di troppi batteri nocivi in ​​bocca.

Esistono vari rimedi domestici naturali che le persone possono provare ad alleviare l’alitosi. La maggior parte di questi rimedi dispone di ricerche scientifiche a supporto, sebbene alcuni richiedano ulteriori indagini.

L’alitosi persistente a volte può essere un segno di malattia gengivale o carie. Le persone dovrebbero consultare un dentista se ritengono che queste condizioni potrebbero causare la loro alitosi.

Meno comunemente, l’alitosi può indicare un problema di salute di base più grave. Le persone che hanno dubbi sulla causa della loro alitosi dovrebbero consultare un medico.

Questo post è stato utile per te?

+0

Ti potrebbe interessare

Menu