DiabeteDiabete di tipo 1

Come un cane può rendere più facile la gestione del diabete

I cani possono essere grandi amici – offriranno amore, gioia e compagnia incondizionati. Ma possono anche supportare la tua salute e il tuo benessere in altri modi più specifici. Nuove prove ora suggeriscono che i cani potrebbero aiutare le persone con diabete di tipo 1 a gestire la loro condizione con maggiore sicurezza.

La tradizione vuole che i cani siano i nostri migliori amici e i ricercatori hanno messo a frutto questo legame speciale tra cani e persone.

I cani sono attualmente addestrati a fiutare droghe illegali negli aeroporti, a sostenere persone con problemi di vista, come animali da terapia per persone che vivono con disturbo da stress post-traumatico (PTSD) e persino, a volte, per rilevare il cancro nelle persone.

Un nuovo studio ora fornisce nuove prove, a sostegno dell'idea che i cani possono anche aiutare le persone con diabete allertando un episodio ipoglicemico.

L'ipoglicemia (basso livello di zucchero nel sangue) è un rischio per le persone con diabete – in particolare il diabete di tipo 1 – che hanno bisogno di assumere insulina per abbassare i loro livelli di zucchero nel sangue, tipicamente, elevati.

Tuttavia, il trattamento può a volte portare a episodi ipoglicemici, che possono causare perdita di coscienza e persino convulsioni se la persona non affronta immediatamente i sintomi.

Per questo motivo, un team di ricercatori dell'Università di Bristol nel Regno Unito ha osservato con quanta precisione i cani addestrati in grado di rilevare l'ipoglicemia nei soggetti con diabete di tipo 1.

I ricercatori hanno collaborato con Medical Detection Dogs, un'organizzazione benefica con sede nel Regno Unito investita nella formazione di cani per scopi di rilevamento medico.

L'autore principale Nicola Rooney e colleghi riportano i loro risultati sulla rivista PLOS One.

Accurato nell'83 percento dei casi

I ricercatori hanno collaborato con persone affette da diabete di tipo 1 che avevano cani, alcuni dei quali Medical Detection Dogs avevano ricevuto un addestramento e una certificazione specifici, alcuni dei quali erano in fase avanzata di addestramento.

Le razze canine presentate in questo studio erano Labrador retriever, golden retriever, Labrador retriever e golden retriever cross, barboncino, collie cross, labradoodle, lurcher, cocker spaniel e Yorkshire terrier.

Rooney e colleghi hanno analizzato i dati dei campioni di sangue per un periodo di 12 settimane dai partecipanti e i resoconti di tutti i casi in cui i cani avevano allertato i loro proprietari di un episodio ipoglicemico.

I cani addestrati dalle persone possono rilevare i segnali olfattivi che i medici riferiscono ai sintomi di ipoglicemia. Inoltre, imparano ad avvisare i loro proprietari quando questi si verificano, in modo che l'individuo possa agire.

Guardando a più di 4000 casi di episodi ipo e iperglicemici, i ricercatori hanno scoperto che i cani avvertivano correttamente i loro amici umani che stavano sperimentando ipoglicemia nell'83% di questi casi.

"Sappiamo già da precedenti studi che la qualità della vita dei pazienti è notevolmente migliorata dall'avere un cane di rilevamento medico", afferma Rooney. "Tuttavia, ad oggi, le prove sono arrivate da studi su piccola scala."

"Il nostro studio fornisce la prima valutazione su larga scala dell'utilizzo di cani per il rilevamento medico per rilevare l'ipoglicemia", ha continuato a sostenere.

I cani devono essere "professionalmente preparati"

I ricercatori consigliano inoltre che, affinché un cane sia in grado di rilevare correttamente un evento medico e avvisare il proprio proprietario del pericolo, l'animale deve ricevere una formazione adeguata da parte dei professionisti. La relazione in via di sviluppo tra il cane e il suo umido proprietario è anche la chiave di come reagisce l'assistente "peloso".

"La nostra ricerca mostra che l'efficacia del cane è influenzata dal singolo cane e dalla sua connessione con il suo partner umano", osserva Rooney.

"Poiché l'utilizzo di tali cani è in crescita, è importante che tutti i cani utilizzati per questi scopi siano formati professionalmente, abbinati e monitorati da organizzazioni professionali come Cani di rilevamento medico. È inoltre fondamentale che la ricerca continui sia a valutare la vera efficacia sia a determinare i modi per ottimizzare le loro prestazioni. "

Nicola Rooney

Claire Guest, che è amministratore delegato e co-fondatrice di Medical Detection Dogs, aggiunge inoltre che, mentre "(i risultati attuali) sono notizie fantastiche per tutti coloro che vivono con il diabete di tipo 1", cani appositamente addestrati potrebbero fornire assistenza preziosa per persone con altre condizioni mediche.

"I nostri cani (…) servono la più ampia comunità medica offrendo soluzioni proattive che sono naturali, non invasive e hanno dimostrato di offrire innumerevoli benefici psicologici", afferma Guest, sottolineando che la posizione unica dei cani come animali da compagnia può rendere loro come perfette infermieri vivi.

Retoricamente, Ospite chiede: "Come nostri compagni naturali e con un senso dell'olfatto molto raffinato, perché non dovrebbero essere in grado di rilevare i cambiamenti nella nostra salute personale?"

Questo post è stato utile per te?

+0

Ti potrebbe interessare

Menu