Come riconoscere e curare una ferita infetta

Un’infezione della ferita si verifica quando i germi, come i batteri, crescono all’interno della pelle danneggiata di una ferita. I sintomi possono includere aumento del dolore, gonfiore e arrossamento. Infezioni più gravi possono causare nausea, brividi o febbre.

Una persona può essere in grado di curare infezioni lievi della ferita a casa. Tuttavia, le persone con infezioni della ferita più gravi o persistenti devono consultare un medico.

In questo articolo, descriviamo come prevenire, riconoscere e trattare una ferita infetta. Copriamo anche i fattori di rischio, le complicazioni, quando vedere un medico e le cure mediche.

Come riconoscere un’infezione da una ferita

Di solito le persone possono tranquillamente trattare piccole ferite, come piccoli tagli e graffi, a casa. Con la cura adeguata, la maggior parte delle piccole ferite migliorerà gradualmente fino alla completa guarigione.

Se una ferita viene infettata, tuttavia, può peggiorare invece di migliorare. In genere, dolore, arrossamento e gonfiore aumenteranno di intensità.

Le infezioni delle ferite possono anche portare ad altri sintomi, come:

  • pelle calda attorno alla ferita
  • scarica gialla o verde proveniente dalla ferita
  • la ferita emette un odore sgradevole
  • striature rosse sulla pelle attorno alla ferita
  • febbre e brividi
  • dolori e dolori
  • nausea
  • vomito

Trattare le ferite infette a casa

Le persone con una lieve infezione di una piccola ferita possono essere in grado di trattare la ferita a casa. Tuttavia, le infezioni della ferita più gravi richiedono un pronto intervento medico, in particolare quelle che si manifestano insieme ad altri sintomi, come febbre, malessere, o scarica e strisce rosse provenienti dalla ferita.

Per curare una ferita infetta a casa, attenersi alla seguente procedura:

  1. Prima di iniziare, assicurarsi che tutte le attrezzature necessarie siano pulite. Ad esempio, se si usano le pinzette, pulirle prima con alcol denaturato.
  2. Lavare accuratamente le mani con acqua calda e sapone, quindi sciacquarle e asciugarle.
  3. Pulire il taglio o raschiare facendo scorrere acqua calda su di esso per diversi minuti. Usare acqua calda e saponata per pulire la pelle circostante, ma evitare di introdurre sapone nella ferita.
  4. Assicurarsi che non vi sia sporco o detriti, come vetro o ghiaia, nella ferita. Per rimuovere i detriti, utilizzare una pinzetta o delicatamente e massaggiare delicatamente la ferita con un panno morbido e umido.
  5. Se lo si desidera, applicare un sottile strato di pomata antisettica o vaselina al taglio o raschiare.
  6. Lasciare asciugare la pelle all’aria prima di coprirla con una garza o una benda. Di solito non c’è bisogno di coprire tagli e graffi minori.

Altri suggerimenti per il trattamento delle ferite a casa includono:

  • Cambia la medicazione almeno una volta al giorno. Sostituirlo immediatamente se diventa umido o sporco.
  • Lavare delicatamente la ferita ogni giorno.
  • Evitare l’uso di perossido di idrogeno o iodio sulla ferita in quanto potrebbero causare irritazione della pelle in alcune persone. Smettere di usare altri unguenti antisettici se provocano irritazione alla pelle.
  • Non raccogliere la pelle o la crosta, poiché ciò può causare cicatrici, rallentare la guarigione e aumentare il rischio di infezione.
  • Se la ferita non mostra segni di miglioramento entro 1-2 giorni, consultare un medico.

Come prevenire l’infezione della ferita

La pulizia e la protezione di una ferita possono ridurre il rischio di infezione. Dopo aver subito un piccolo taglio o graffio, una persona dovrebbe:

  1. Lavare immediatamente la ferita facendo scorrere acqua pulita per diversi minuti. Quindi, pulire la pelle attorno alla ferita con acqua calda e sapone. Se non è possibile utilizzare acqua pulita, trattare la ferita con salviette imbevute di alcol.
  2. Lasciare asciugare la pelle all’aria.
  3. Applicare un unguento antisettico sulla ferita.
  4. Proteggere la lesione con una garza o un’altra medicazione adatta.

Le persone con ferite più grandi o sanguinamento eccessivo necessiteranno di cure mediche. Un operatore sanitario può trattare la lesione per prevenire infezioni e altre complicazioni.

Le persone con morsi di animali o ferite da oggetti sporchi o arrugginiti possono essere a rischio di tetano e devono anche consultare un medico. Un operatore sanitario può pulire la ferita e dare alla persona un colpo per proteggere contro l’infezione da tetano, se necessario.

Il tetano è una condizione potenzialmente fatale che si verifica quando alcuni batteri entrano nel corpo e rilasciano tossine che colpiscono i nervi. I sintomi del tetano possono includere spasmi muscolari dolorosi, trisma e febbre.

Fattori di rischio

Tagli, escoriazioni e altre rotture nella pelle possono infettarsi quando i batteri entrano nella ferita e iniziano a moltiplicarsi. I batteri possono provenire dalla pelle circostante, dall’ambiente esterno o dall’oggetto che ha causato la lesione.

È importante pulire e proteggere adeguatamente la ferita per ridurre il rischio di infezione.

Il rischio di infezione della ferita è maggiore se:

  • la ferita è grande, profonda o ha un bordo frastagliato
  • sporco o particelle estranee sono penetrate nella ferita
  • la causa della ferita era un morso di un animale o di un’altra persona
  • la causa della ferita era una lesione che coinvolge un oggetto sporco, arrugginito o contaminato

Determinate condizioni di salute e fattori ambientali possono anche aumentare il rischio di infezione. Questi includono:

  • diabete
  • scarsa circolazione sanguigna
  • un sistema immunitario indebolito, come nelle persone che vivono con l’HIV o che assumono farmaci immunosoppressori
  • mancanza di mobilità, ad esempio, nelle persone che trascorrono la maggior parte del loro tempo a letto
  • età avanzata – gli anziani sono più a rischio di infezione della ferita
  • carenze di nutrienti e vitamine

Raramente, ferite da incisione da procedure chirurgiche possono anche essere infettate. Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), tra il 2006 e il 2008, circa l’1,9% delle ferite chirurgiche è stato infettato da persone che hanno operato negli Stati Uniti.

complicazioni

Se una persona non riceve cure per un’infezione della ferita, può diffondersi in altre parti del corpo, il che può portare a gravi complicazioni, tra cui:

  • Cellulite è un’infezione degli strati e dei tessuti più profondi della pelle e può causare gonfiore, arrossamento e dolore nell’area interessata. Altri sintomi possono includere febbre, capogiri, nausea e vomito.
  • osteomielite è un’infezione batterica dell’osso e i sintomi includono dolore, arrossamento e gonfiore intorno alla zona infetta. Stanchezza e febbre sono altri sintomi che possono interessare quelli con osteomielite.
  • Sepsi è una reazione immunitaria estrema che a volte può verificarsi quando un’infezione entra nel flusso sanguigno. La sepsi può portare a insufficienza multiorgano ed è pericolosa per la vita. Secondo il CDC, circa 270.000 persone negli Stati Uniti muoiono ogni anno a causa della sepsi.
  • Fascite necrotizzante è una condizione rara che si verifica quando un’infezione batterica si diffonde in un tessuto chiamato rivestimento della fascia che giace in profondità sotto la pelle. La fascite necrotizzante è un’emergenza medica che provoca gravi danni alla pelle e dolore e può diffondersi in tutto il corpo.

Quando vedere un dottore

Una persona con una ferita deve consultare un medico se:

  • la ferita è grande, profonda o ha bordi frastagliati
  • i bordi della ferita non stanno insieme
  • si manifestano sintomi di infezione, come febbre, dolore o arrossamento crescente o secrezione dalla ferita
  • non è possibile pulire correttamente la ferita o rimuovere tutti i detriti, come vetro o ghiaia
  • la causa della ferita era un morso o una ferita da un oggetto sporco, arrugginito o contaminato

Chiedere assistenza medica urgente se il sangue sgorga dalla ferita o se applicare una pressione sulla ferita non arresta il sanguinamento.

Trattamento medico

I medici possono curare un’infezione batterica con antibiotici. È importante che una persona completi il ​​ciclo degli antibiotici per trattare l’infezione completamente e per impedire che i batteri diventino resistenti al farmaco.

Oltre alla pulizia, alcune ferite potrebbero richiedere un ulteriore trattamento. Se il taglio è grande o profondo, ad esempio, un medico o un infermiere potrebbe dover utilizzare punti per chiuderlo. Spesso possono chiudere tagli più piccoli con colla medica o strisce di nastro.

Se la ferita contiene tessuto morto o contaminato, un medico può rimuovere questo tessuto in una procedura chiamata debridement. Il debridement dovrebbe favorire la guarigione e prevenire la diffusione dell’infezione.

Una persona potrebbe richiedere un colpo di tetano se la causa della ferita era un morso o una ferita da un oggetto sporco o arrugginito.

Il CDC raccomanda agli adulti di ricevere un colpo di tetano ogni 10 anni per proteggerli dall’infezione del tetano. Tuttavia, per alcuni tipi di ferite, un medico può ancora prescrivere un colpo di tetano per le persone che non ne hanno avuto uno negli ultimi 5 anni.

Sommario

Una infezione della ferita può verificarsi se i batteri entrano e si moltiplicano all’interno della ferita. Pulire immediatamente e tagliare le medicazioni, escoriazioni e altre piccole ferite è il modo migliore per prevenire le infezioni. Tuttavia, le persone con ferite più grandi, profonde o più gravi dovrebbero avere un professionista sanitario qualificato che tratti la lesione.

I segni e i sintomi dell’infezione della ferita possono includere l’aumento del dolore, gonfiore e arrossamento intorno alla zona interessata. Una persona può essere in grado di trattare una lieve infezione di una piccola ferita a casa reclinando e ripulendo la ferita.

Tuttavia, le infezioni più gravi della ferita richiedono un pronto intervento medico, in particolare quelle che si manifestano con febbre, malessere o scarica e strisce rosse che escono dalla ferita.

Questo post è stato utile per te?