Influenza / Freddo / SARS

Come la tua medicina influenzale può influenzare il tuo cuore

Gennaio è al centro della stagione del raffreddore e dell'influenza, e ogni volta che gli starnuti e le tosse colpiscono, tendiamo a fare scorta di antinfiammatori e decongestionanti per aiutarci a combattere questi sintomi. Tuttavia, l'American Heart Association avverte che questi farmaci possono avere effetti indesiderati sul cuore.

I farmaci da banco sono la soluzione più popolare per il sollievo dei dolori, la febbre leggera, il naso ostruito e altri sintomi dell'influenza o di un raffreddore stagionale.

Tali farmaci comprendono farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS), come l'ibuprofene e decongestionanti che includono pseudoefedrina e fenilefrina.

Mentre questi farmaci sono generalmente sicuri da prendere fintanto che si seguono i dosaggi raccomandati, specialisti dell'American Heart Association (AHA) e altre istituzioni avvertono che potrebbero peggiorare la salute cardiovascolare di alcuni individui a rischio.

"Le persone con ipertensione incontrollata o cardiopatia dovrebbero evitare di assumere decongestionanti orali", avverte Sondra DePalma, che è assistente del PinnacleHealth CardioVascular Institute presso l'UPMC Pinnacle di Harrisburg, in Pennsylvania, e uno degli specialisti dietro all'AHA e all'American College delle linee guida di Cardiology (ACC) per la gestione della pressione alta.

"E per la popolazione generale o qualcuno con basso rischio cardiovascolare, dovrebbero usarli con la guida di un operatore sanitario", consiglia anche DePalma.

Aumento del rischio cardiovascolare

Secondo le linee guida AHA e ACC, sia i FANS che i decongestionanti possono aumentare la pressione sanguigna a causa del modo in cui agiscono sul corpo. Decongestionanti, in particolare, stringere i vasi sanguigni nel naso, che aiuta a ridurre l'infiammazione in quella zona.

"Ma se hai la pressione alta o malattie cardiache, l'ultima cosa di cui hai bisogno è la costrizione dei vasi sanguigni, che può esacerbare o peggiorare la condizione", osserva il dott. Erin Michos, direttore associato di cardiologia preventiva presso il Johns Hopkins Ciccarone Center per la prevenzione delle malattie cardiache a Baltimora, MD.

Il dott. Michos spiega che le persone più a rischio se usavano i decongestionanti sono quelle con ipertensione non gestita, quelle con insufficienza cardiaca, così come le persone che hanno avuto un infarto o ictus.

Per quanto riguarda i FANS, gli studi esistenti mostrano che possono anche mettere persone a rischio cardiovascolare più elevato.

Un documento di studio che l'AHA cita – e pubblicato nel Journal of Infectious Diseases nel 2017 – si è concentrato su una coorte di 9.793 individui che avevano fatto trattamenti per infezioni respiratorie e sono finiti in ospedale a causa di un infarto.

I partecipanti avevano una media di 72 anni quando hanno avuto i loro attacchi cardiaci e molti di loro avevano preesistenti fattori di rischio cardiovascolare, come l'ipertensione o il diabete.

La prevenzione è l'approccio migliore

Secondo lo studio, coloro che assumevano i FANS per curare le proprie infezioni respiratorie erano in eccesso di tre volte di più a rischio di infarto entro 1 settimana rispetto a quanto lo erano stati durante lo stesso periodo dell'anno precedente quando non avevano usato i FANS.

Per evitare l'esposizione a tali rischi, il Dott. Michos consiglia di utilizzare i FANS e i decongestionanti con parsimonia o di optare per una soluzione alternativa ove possibile, come gli antistaminici.

"Esistono terapie efficaci che sono meno rischiose e devono essere provate prima", osserva DePalma.

"Se sono necessari altri farmaci da banco, usali con cautela e se qualcuno scopre di avere problemi come l'ipertensione o altre cose come le palpitazioni cardiache, dovrebbero parlare con il loro medico", sollecita.

Infine, l'approccio migliore quando si parla di raffreddore e influenza è la prevenzione e il punto AHA dei consigli dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), che suggeriscono di ottenere una vaccinazione antinfluenzale ogni anno.

Questo post è stato utile per te?

+0

Ti potrebbe interessare

Menu