Cancro / Oncologia

Come aiutare le persone con cancro a smettere di fumare

Aiutare le persone con tumore a smettere di fumare è vitale perché smettere di fumare migliora significativamente i risultati sulla salute. Uno studio recente ha scoperto che quasi il 46% delle persone con cancro ha smesso di fumare attraverso un programma di trattamento del tabacco su misura.

Non è un segreto che il fumo fa male alla salute: il fumo e l’esposizione al tabacco sono le cause principali di morte prematura e prevenibile negli Stati Uniti.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), il fumo provoca 480.000 morti all’anno, ovvero circa 1 su 5 morti premature.

Di questi decessi, il 36% è dovuto a cancro, compresi i tumori del polmone, della bocca, della vescica, del colon e del pancreas; il fumo prende il pedaggio su quasi tutti gli organi del corpo.

Una volta che qualcuno riceve una diagnosi di cancro, può ancora trovare smettere di fumare. Tuttavia, rinunciare potrebbe migliorare significativamente il loro risultato.

“Il (Q) ricorso al (il) momento della diagnosi aumenta la possibilità di sopravvivenza dal 30% al 40%. I pazienti hanno anche meno possibilità di recidiva o cancro secondario se smettono”, spiega Diane Beneventi, Ph.D., uno degli autori di un recente studio.

Test del programma di trattamento del tabacco

Il recente studio conclude che un programma di trattamento completo può aiutare le persone con diagnosi di cancro a smettere di fumare con successo e stare lontano dal tabacco.

I ricercatori del MD Anderson Cancer Center dell’Università del Texas a Houston hanno analizzato 3.245 fumatori che hanno preso parte al programma di trattamento del tabacco dal 2006 al 2015.

L’intervento prevede un programma personalizzato orientato alle esigenze individuali di quasi 1.200 persone che si impegnano a partecipare ogni anno. Ai partecipanti viene offerta la terapia sostitutiva della nicotina, i farmaci e il supporto emotivo attraverso sessioni di consulenza.

Il direttore del programma, Dr. Maher Karam-Hage, spiega cosa comporta il Programma di trattamento del tabacco:

“Adattiamo la terapia sostitutiva della nicotina, i farmaci non nicotinici e (a) la combinazione di questi come raccomandazioni per ogni individuo e forniamo supporto attraverso sessioni di consulenza comportamentale per 8-12 settimane dopo la loro consultazione iniziale.”

Quando qualcuno che ha una diagnosi di cancro si identifica come un fumatore, la clinica offre gratuitamente il programma per smettere di fumare.

MD Anderson può trattare le persone gratuitamente perché il Texas Tobacco Settlement Fund copre principalmente i costi da $ 1.900 a $ 2.500 attraverso l’Accordo di regolamento sul tabacco.

I ricercatori hanno recentemente pubblicato i loro risultati su JAMA Network Open.

I ricercatori hanno analizzato i risultati degli individui a 3, 6 e 9 mesi dopo l’adesione al programma e hanno osservato che il tasso di cessazione era rispettivamente del 45,1%, 45,8% e 43,7%.

Sebbene lo studio non includesse un gruppo di controllo con cui confrontare i risultati, i ricercatori osservano che altri programmi che incoraggiano la cessazione hanno gestito solo tassi di abbandono di circa il 20%.

“I pazienti meritano la migliore opportunità assoluta che possiamo offrire loro per smettere di fumare. Sulla base dei nostri dati, raccomandiamo di offrire una completa cessazione del fumo ai pazienti oncologici come standard clinico di cura.”

Autore principale Paul Cinciripini, Ph.D.

Risultati importanti

Smettere di fumare aiuta il corpo a guarire dopo i trattamenti, come un intervento chirurgico o la chemioterapia, e riduce gli effetti collaterali. Smettere di fumare può anche ridurre il rischio di recidiva o cancro secondario.

“A più lungo termine, (le persone) godranno di una migliore qualità della vita. Smettere è cruciale per i malati di cancro”, afferma Beneventi.

A causa del buon esito dello studio, gli autori stanno facendo una campagna per programmi completi di trattamento del tabacco nell’arena del trattamento del cancro. Vogliono assicurarsi che le persone con cancro che fumano ottengano i migliori risultati possibili.

“Se vogliamo offrire ai pazienti la migliore opportunità assoluta di curare il loro cancro, perché non dovremmo dare loro anche la migliore cessazione del fumo? È la cosa giusta da fare e vale la pena investire.”

Paul Cinciripini, Ph.D

Il CDC stima che il 14 percento delle persone negli Stati Uniti di età superiore ai 18 anni fumi. Di questi 34,3 milioni di persone, quasi la metà ha una malattia correlata al fumo. I ricercatori ritengono che altri stati dovrebbero considerare una strategia di finanziamento simile per incoraggiare le persone a smettere di fumare.

I fumatori, indipendentemente dall’età, possono migliorare significativamente i loro esiti e ridurre il rischio di malattie, incluso il cancro, rinunciando.

Questo post è stato utile per te?

+0

Ti potrebbe interessare

Menu